venerdì 29 aprile 2011

TFS2010 Object Model: Collegarsi ad un server TFS 2008 tramite l’object model di TFS 2010

Questo post funge da compendio a tutti i post già pubblicati sull’object model di Team Foundation Server 2010 e agli articoli pubblicati su DomuDotNet (link, link, link, link, link e link) e ha lo scopo di mostrare come sia possibile utilizzare l’object model di TFS per accedere ad un server TFS 2008.

L’object model di Team Foundation Server 2010 è completamente compatibile con il server 2008 e, in particolare, l’unica differenza sostanziale è la modalità con cui si recupera le due istanze fondamentali per l’accesso al server: TfsConfigurationServer e TfsTeamProjectCollection.

Cominciamo con il prendere in esame il recupero dell’istanza di TfsConfigurationServer e per fare ciò vediamo come si presenta la finestra di inserimento di un nuovo server nelle due versioni del team explorer.

Nella versione 2010 abbiamo:

SNAGHTML7d931d

mentre nella versione 2008:

SNAGHTML7d3248

La differenza tra le due maschere è la presenza della proprietà Path (nella 2010) che fa si che, a parità di nome server, l’url sia leggermente diverso ed in particolare:

  • http://NomeMioServer:8080/tfs nella versione 2010;
  • http://NomeMioServer:8080 nella versione 2008.

Questa osservazione ci permette facilmente di recuperare un istanza di TfsConfigurationServer utilizzando, ad esempio, la factory TfsConfigurationServerFactory:

  1. Public Function GetTFSConfigurationServer(serverName As String) As TfsConfigurationServer
  2.     Contract.Requires(Of ArgumentNullException)(serverName IsNot Nothing)
  3.  
  4.     Dim retval As TfsConfigurationServer = Nothing
  5.     Try
  6.         retval = TfsConfigurationServerFactory.GetConfigurationServer(GetServerUri(serverName),
  7.                                                                       New UICredentialsProvider())
  8.     Catch ex As Exception
  9.         Throw
  10.     End Try
  11.     Return retval
  12. End Function

Il metodo GetServerUri non fa altro che generare la classe Uri corrispondente al server TFS 2008 a partire dal nome del server (http://NomeServer:8080/):

  1. Public Function GetServerUri(serverName As String) As Uri
  2.     Contract.Requires(Of ArgumentNullException)(serverName IsNot Nothing)
  3.     Dim tfsUrl = String.Format("http://{0}:8080", serverName)
  4.     Return New Uri(tfsUrl)
  5. End Function

Per quanto riguarda le project collection, TFS 2008 non prevede queste entità. Come è possibile, allora, recuperare un’istanza di TfsTeamProjectCollection? Abbiamo, infatti, bisogno della TfsTeamProjectCollection per poter accedere a servizi come WorkItemStore (gestione dell’item tracking) o VersionControlServer (gestione del version control).

Nella realtà, proprio la non esistenza dlle collections fa si che l’intero server TFS sia visto come un unica collection il cui Url è, proprio, http://NomeServer:8080/.

Per questo motivo possiamo scrivere:

  1. Public Function GetTeamProjectCollection(serverName As String) As TfsTeamProjectCollection
  2.     Contract.Requires(Of ArgumentNullException)(serverName IsNot Nothing)
  3.  
  4.     Dim retval As TfsTeamProjectCollection = Nothing
  5.     Try
  6.         retval = TfsTeamProjectCollectionFactory.GetTeamProjectCollection(GetServerUri(serverName),
  7.                                                         New UICredentialsProvider())
  8.         retval.EnsureAuthenticated()
  9.     Catch ex As Exception
  10.         Throw
  11.     End Try
  12.     Return retval
  13. End Function

Una volta recuperata la TfsProjectCollection possiamo accedere ai servizi di work item tracking, version control etc., etc. in maniera analoga a quanto facciamo usualmente con le collection di TFS 2010.

 

giovedì 28 aprile 2011

Rilasciato Microsoft Solver Foundation

Vi segnalo che Microsoft DevLabs ha pubblicato, martedì scorso, Microsoft Solver Foundation un framework per costruire ed ottimizzare modelli matematici.

Vi segnalo anche il post di Somasegar in cui viene annunciato il lancio del framework e riportati un paio di esempi pratici.

 

Provate Azure per un mese gratuitamente!!!

Vorrei riportarvi il post di Brian Harry che vi da la possibilità di provare Windows Azure per 30 giorni senza pagare assolutamente nulla.

Vi basta andare sul sito http://windowsazurepass.com/ ed inserire il codice promozionale CRMIKEA.

Quello che vi aspetta è il seguente:

image

 

Tag di Technorati: ,

venerdì 22 aprile 2011

Definire i contratti su interfacce generiche in VB.NET

Uno dei grandi vantaggi dei code contracts di Microsoft (vedere gli articoli sul sito www.domusdotnet.org per maggiori info) è quello di poter definire i contratti anche sulle interfacce.

Ad esempio le precondizioni si definiscono attraverso uno dei metodi statici Requires della classe Contracts (System.Diagnostic.Contracts):

  1. Imports System.Diagnostics.Contracts
  2.  
  3. Module Module1
  4.  
  5.     Sub Main()
  6.         Dim chr = GetLastChar("pippo")
  7.         Dim chr2 = GetLastChar("")
  8.     End Sub
  9.  
  10.     Public Function GetLastChar(str As String) As String
  11.         Contract.Requires(Not String.IsNullOrEmpty(str))
  12.         Return str.Substring(str.Length - 1)
  13.     End Function
  14.  
  15. End Module

Il metodo GetLastChar richiede che l’argomento non sia né Nothing, né “” e, nel caso precedente, in fase di compilazione, si ottiene il seguente warning

SNAGHTML43a2f30

mentre in fase di esecuzione si ottiene la seguente eccezione:

image

Fino a qui tutto bene, ma come facciamo a definire le precondizioni (ma il concetto vale anche per postcondizioni ed invarianti d’oggetto) nel caso di interfacce o di metodi astratti di classi in cui non abbiamo la possibilità di inserire del codice?

In questo caso abbiamo la possibilità di definire una classe che funge da “contenitore” per le definizioni dei contratti. Ad esempio:

  1. <ContractClass(GetType(InterfacciaContract))>
  2. Public Interface IInterfaccia
  3.     Function Metodo(arg As Integer) As Integer
  4. End Interface
  5.  
  6. <ContractClassFor(GetType(IInterfaccia))>
  7. Public MustInherit Class InterfacciaContract
  8.     Implements IInterfaccia
  9.  
  10.     Public Function Metodo(arg As Integer) As Integer Implements IInterfaccia.Metodo
  11.         Contract.Requires(arg > 0)
  12.         Throw New NotSupportedException
  13.     End Function
  14. End Class

La classe InterfacciaContract funge da contenitore per i contratti dei metodi esposti dalla Interfaccia.

Il codice presente nei metodi dell’interfaccia implementati dalla classe contenitore non viene eseguito se non quello relativo alla definizione dei contratti.

Il problema nasce quando abbiamo una interfaccia generica (ovvero il cui comportamento dipende da uno o più tipi). In questo caso come definiamo la classe “contenitore” dei contratti e come indichiamo il tipo dell’interfaccia nell’attributo ContractClassFor?

In questo caso si può utilizzare la sintassi NomeTipo(Of ) come mostrato nel seguente esempio:

  1. <ContractClass(GetType(RepositoryContract(Of )))>
  2. Public Interface IRepository(Of T)
  3.     Function GetAll() As IEnumerable(Of T)
  4.     Function GetSingle(id As Integer) As IEnumerable(Of T)
  5. End Interface
  6.  
  7. <ContractClassFor(GetType(IRepository(Of )))>
  8. Public MustInherit Class RepositoryContract(Of T)
  9.     Implements IRepository(Of T)
  10.  
  11.     Public Function GetSingle(id As Integer) As System.Collections.Generic.IEnumerable(Of T) Implements IRepository(Of T).GetSingle
  12.         Contract.Requires(id > 0)
  13.         Throw New NotImplementedException()
  14.     End Function
  15.  
  16.     Public Function GetAll() As System.Collections.Generic.IEnumerable(Of T) Implements IRepository(Of T).GetAll
  17.         Throw New NotImplementedException()
  18.     End Function
  19. End Class

Nel momento in cui definiamo una classe reale imponendo il tipo T, avremo che il contratto viene “ereditato” automaticamente:

  1. Public Class Repository
  2.     Implements IRepository(Of Entity)
  3.  
  4.     Public Function GetSingle(id As Integer) As System.Collections.Generic.IEnumerable(Of Entity) Implements IRepository(Of Entity).GetSingle
  5.         Return Nothing
  6.     End Function
  7.  
  8.     Public Function GetAll() As System.Collections.Generic.IEnumerable(Of Entity) Implements IRepository(Of Entity).GetAll
  9.         Return Nothing
  10.     End Function
  11. End Class

senza che noi si debba riscriverlo.

Nel caso in cui l’interfaccia dipenda da più tipi è sufficiente scrivere le opportune virgole:

  1. <ContractClass(GetType(RepositoryContract(Of ,)))>
  2. Public Interface IRepository(Of T1, T2)
  3.     Function GetAll() As IEnumerable(Of T1)
  4.     Function GetSingle(id As Integer) As IEnumerable(Of T1)
  5. End Interface
  6.  
  7. <ContractClassFor(GetType(IRepository(Of ,)))>
  8. Public MustInherit Class RepositoryContract(Of T1, T2)
  9.     Implements IRepository(Of T1, T2)
  10.  
  11.     Public Function GetAll() As System.Collections.Generic.IEnumerable(Of T1) Implements IRepository(Of T1, T2).GetAll
  12.         Throw New NotImplementedException()
  13.     End Function
  14.  
  15.     Public Function GetSingle(id As Integer) As System.Collections.Generic.IEnumerable(Of T1) Implements IRepository(Of T1, T2).GetSingle
  16.         Contract.Requires(id > 0)
  17.         Throw New NotImplementedException()
  18.     End Function
  19. End Class

 

domenica 17 aprile 2011

Un servizio clienti al servizio del cliente

Vorrei spendere questo post per sottolineare l’ottimo servizio fornitomi dal servizio clienti Vodafone.

In particolare il tutto è nato dalla necessità, all’arrivo del mio nuovo Omnia 7, di attivare una opzione internet sulla mia scheda Vodafone.

Nell’attivare tale opzione ho attivato inavvertitamente anche l’opzione per la navigazione wap il cui costo è decisamente sproporzionato.

Dopo un paio di giorni di navigazione wap  e senza riuscire a switchare sulla navigazione web, ho chiamato il servizio clienti e, inaspettatamente, l’operatore mi ha comunicato che avrebbe provato a risolvere il mio errore e, contestualmente, mi avrebbe restituito i soldi spesi per errore.

E, già, qui sono rimasto sorpreso!

Dopo l’intervento del servizio clienti, la situazione non è migliorata ed il telefonino continuava ad andare in wap, così ho richiamato, dopo un paio di giorni, di nuovo il servizio clienti.

L’operatore, lo stesso della precedente volta, a cui, quindi non ho dovuto rispiegare di nuovo la situazione, ha cercato, assieme a me, di configurare lato telefono la connessione e, non riusciendoci, ha disabilitato il wap sulla scheda.

Ora il telefono è correttamente configurato e, ho pure ricevuto un ulteriore rimborso per gli altri giorni spesi con il wap!!!

La cosa mi ha piacevolmente sorpreso e ho accantonato l’idea di cambiare operatore!!!

 

giovedì 14 aprile 2011

Async CTP SP1 WP7 – Demo

Vi segnalo questo video in cui viene illustrato come utilizzare la nuova SP1 di Visual Studio Async su WP7:

 

Tag di Technorati: ,,

mercoledì 13 aprile 2011

Rilasciata Async CTP SP1

E’ stata rilasciata la SP1 di Async CTP.

Questa versione include:

  • compatibilità con Visual Studio 2010 SP1;
  • API per Windows Phone 7
  • possibilità di utilizzare Async in produzione.

La pagina ufficiale di Visual Studio Asynchronous Programming è al seguente link.

E’ possibile scaricare la CTP al seguente link.

 

MIX 11 – IE10 Platform Preview

Coloro che hanno visto la keynote di ieri del Mix 11 saranno rimasti impressionati dalle potenzialità di IE10.

Per poter provare le funzionalità di IE10, è stata rilasciata la prima Preview Platform che è scaricabile da:

http://ie.microsoft.com/testdrive/Info/Downloads/Default.html

Come già avvenuto per IE9, le plattform preview verranno rilasciate in sequenza per permettere agli utenti di scoprire le nuove funzionalità non appena vengono messe a disposizione.

 

Tag di Technorati: ,,

MIX11–Guarda la keynote

Per chi ha perso la diretta della prima keynote di MIX11, può vederla registrata al seguente link

Key Note iniziale MIX 11

 

Tag di Technorati: ,,