Passa ai contenuti principali

Deserializzazione JSON e costruttori: OnDeserialized e OnDeserializing

In questo post vorrei illustrarvi l’utilizzo degli attributi OnDeserializingAttribute e OnDeserializedAttribute contenuti nel namespace System.Runtime.Serialization.

Il loro scopo è quello di decorare dei metodi che verranno richiamati, rispettivamente, prima (OnDeserializing) e dopo (OnDeserialized) la deserializzazione di un oggetto tramite determinati serializzatori che vedremo più avanti.

Vediamo il loro possibile utilizzo in caso di deserializzazione JSON.

Supponiamo di avere il seguente JSON:

  1. {"nome":"Giuseppe","cognome":"Verdi"}

una possibile classe che permette la deserializzazione di tale JSON potrebbe essere:

  1. Imports System.Xml.Serialization
  2. Imports System.Runtime.Serialization
  3.  
  4. <DataContract()>
  5. Public Class Persona
  6.  
  7.     Public Sub New()
  8.  
  9.     End Sub
  10.  
  11.     <DataMember(Name:="nome")>
  12.     Public Property Nome As String
  13.     <DataMember(Name:="cognome")>
  14.     Public Property Cognome As String
  15.  
  16.     Private _DataCreazione As DateTime = DateTime.Now
  17.     Public ReadOnly Property DataCreazione As DateTime
  18.         Get
  19.             Return Me._DataCreazione
  20.         End Get
  21.     End Property
  22.  
  23. End Class

Ho inserito la proprietà che contiene la data di creazione dell’oggetto per dimostrare una cosa che vedremo tra poco.

Prendiamo il seguente metodo che deserializza il JSON di cui sopra:

  1. Imports System.Xml.Serialization
  2. Imports System.IO
  3. Imports System.Runtime.Serialization.Json
  4. Imports System.Text
  5.  
  6. Module Module1
  7.  
  8.     Sub Main()
  9.         Dim persona As Persona
  10.         Dim serializer = New DataContractJsonSerializer(GetType(Persona))
  11.         Using memStream = New MemoryStream(Encoding.Default.GetBytes(GetJSON()))
  12.             persona = CType(serializer.ReadObject(memStream), Persona)
  13.         End Using
  14.     End Sub
  15.     
  16.     Private Function GetJSON() As String
  17.         Return "{""nome"":""Giuseppe"",""cognome"":""Verdi""}"
  18.     End Function
  19.  
  20. End Module

Se eseguiamo il metodo e ci fermiamo immediatamente dopo la deserializzazione (metodo ReadObject della classe DataContractJsonSerializer), otteniamo:

image

cioè la data di creazione non è stata impostata.

Questo accade perché il serializzatore DataContractJsonSerializer (ma non è l’unico in quanto avviene anche con il DataContractSerializer, il NetDataContractSerializer e il BinaryFormatter) non richiama il costruttore.

Quindi, se abbiamo dei valori di default da impostare o dei valori da assegnare alla creazione dell’oggetto, con la deserializzazione siamo fregati.

E’ in questo scenario che ci vengono in aiuto i due attributi OnDeserializing e OnDeserialized:

  1. Imports System.Xml.Serialization
  2. Imports System.Runtime.Serialization
  3.  
  4. <DataContract()>
  5. Public Class Persona
  6.  
  7.     Public Sub New()
  8.  
  9.     End Sub
  10.  
  11.     <DataMember(Name:="nome")>
  12.     Public Property Nome As String
  13.     <DataMember(Name:="cognome")>
  14.     Public Property Cognome As String
  15.  
  16.     Private _DataCreazione As DateTime = DateTime.Now
  17.     Public ReadOnly Property DataCreazione As DateTime
  18.         Get
  19.             Return Me._DataCreazione
  20.         End Get
  21.     End Property
  22.  
  23.     <OnDeserialized()>
  24.     Public Sub OnDeserialized(context As StreamingContext)
  25.  
  26.     End Sub
  27.  
  28.     <OnDeserializing()>
  29.     Public Sub OnDeserializing(context As StreamingContext)
  30.         Me._DataCreazione = DateTime.Now
  31.     End Sub
  32. End Class

Il metodo decorato con Ondeserializing viene richiamato immediatamente prima della deserializzazione, mentre quello decorato con OnDeserialized immediatamente dopo.

In questo modo, se rieseguiamo il metodo di prima in cui deserializziamo il JSON:

image

la data è effettivamente valorizzata.

I metodi decorati con questi attributi debbono avere come argomento un oggetto di tipo StreamingContext e possono essere utilizzati per controllare la deserializzazione dei nostri oggetti:

Ad esempio il seguente metodo solleva un’eccezione quando si tenta di serializzare oggetti in orari con minuti pari Sorriso :

  1. <OnDeserializing()>
  2. Public Sub OnDeserializing(context As StreamingContext)
  3.     If DateTime.Now.Minute Mod 2 = 0 Then
  4.         Throw New Exception()
  5.     End If
  6.     Me._DataCreazione = DateTime.Now
  7. End Sub

Esistono dei corrispettivi attributi OnSerializing e OnSerialized per le operazioni di serializzazione.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

MVP Reconnect …… ovvero quando entri nella “famigghia” resti sempre nella “famigghia”!!!

Ma di che “famigghia” stiamo parlando!!!!

Fermi tutti, non si tratta di robe strane o sette segrete o affari malavitosi….stiamo parlando della grande famiglia dei Microsoft MVP.

Per chi non sapesse cosa sono i Microsoft MVP, vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale del programma (link), ma, volendolo spiegare in pochisime parole, si tratta di un riconoscimento che Microsoft da a persone che si distinguono per il loro impegno, aiutando gli altri ad ottenere il massimo grazie alle tecnologie Microsoft. Si tratta di persone, non dipendenti Microsoft, che mettono la loro passione, il loro tempo, la loro buona volontà per la divulgazione e la condivisione della conoscenza. Non necessariamente (come qualcuno erroneamente sostiene, evidentemente non conoscendo le basi del programma) si tratta di professionisti nel termine letterale del termine ma si tratta comunque di un gruppo di persone che sacrifica un pò del suo tempo (e, a volte, vi assicuro neanche pò!!!) per la sua passione.

Pe…

Template di progetto per sviluppare applicazioni WPF con Intel® RealSense™

E’ disponibile, nella gallery di Visual Studio, la prima versione del mio template di progetto per applicazioni WPF scritte in C# che permette di realizzare applicazioni con l’SDK di Intel® RealSense™.Il template si può scaricare direttamente all’interno Visual Studio utilizzando il tool “Extensions and Updates”oppure all’indirizzo https://visualstudiogallery.msdn.microsoft.com/1c36ecfd-8c00-4aee-b20c-a1726ab6424dIl template esegue le seguenti operazioni per voi:Aggiunge la reference all’assembly libpxcclr.cs.dll (nelle due distinte versioni per x86 e x64);Aggiunge lo script di post build per copiare la libreria libpxccpp2c.dll dalla cartella dell’SDK alla cartella bin del vostro progetto.Una volta creato il progetto dovete rimuovere la configurazione di compilazione AnyCPU (che non ha più senso) dalla vostra solution e sarete pronti per sviluppare con Intel® RealSense™.Ovviamente dovete installare l’SDK che potete scaricare all’indirizzo https://software.intel.com/en-us/intel-realsen…