Passa ai contenuti principali

Metro Style Apps: override dei brush utilizzati nei controlli

Nel precedente post abbiamo visto come sia possibile modificare i colori di background del controllo ToggleSwitch eseguendo, di fatto, l’override dei brush definiti intrinsecamente nello stesso controllo.

La tecnica dell’override delle risorse predefinite può essere utilizzata anche per altri controlli e, in questo post, cercheremo di capire come recuperare i nomi di tali risorse in modo da avere completo controllo sull’aspetto grafico.

Prendiamo ad esempio il controllo XAML HyperLinkButton. Questo controllo visualizza un link ad un URL ed ha 4 differenti colori: il colore normale, il colore assunto quando il mouse è posizionato al di sopra, il colore quando si preme il pulsante sinistro del mouse (o l’utente “tappa” con il dito) e il colore quando è disabilitato.

SNAGHTML2424bb50

Il colore normale è modificabile tramite la proprietà Foreground:

  1. <HyperlinkButton Content="HyperlinkButton" HorizontalAlignment="Left"
  2.                  VerticalAlignment="Top" Margin="50" BorderThickness="2"
  3.                  BorderBrush="White" Foreground="Red" />

Gli altri tre colori (in realtà sono Brush) non sono accessibili da proprietà del controllo e, al momento, dobbiamo ricorrere all’override delle risorse.

Un modo pratico e funzionale per capire quali sono le risorse utilizzate all’interno del controllo per la stilizzazione dello stesso è ricorrere a Blend.

Semplicemente apriamo la pagina (o l’intero progetto) in cui utilizziamo l’HyperlinkButton tramite Blend:

image

e, creiamo una copia del template:

image

Possiamo inserire la copia del template dove vogliamo (tanto, poi rimuoveremo il template stesso), ad esempio all’interno della pagina stessa:

image

Una volta generato la copia del template otteniamo:

image

Se analizziamo la gestione dei VisualState del controllo, possiamo trovare i tre VisualState che ci interessano:

  1. <VisualState x:Name="PointerOver">
  2.     <Storyboard>
  3.         <ObjectAnimationUsingKeyFrames Storyboard.TargetProperty="Foreground" Storyboard.TargetName="ContentPresenter">
  4.             <DiscreteObjectKeyFrame KeyTime="0" Value="{StaticResource HyperlinkPointerOverForegroundThemeBrush}"/>
  5.         </ObjectAnimationUsingKeyFrames>
  6.     </Storyboard>
  7. </VisualState>
  8. <VisualState x:Name="Pressed">
  9.     <Storyboard>
  10.         <ObjectAnimationUsingKeyFrames Storyboard.TargetProperty="Foreground" Storyboard.TargetName="ContentPresenter">
  11.             <DiscreteObjectKeyFrame KeyTime="0" Value="{StaticResource HyperlinkPressedForegroundThemeBrush}"/>
  12.         </ObjectAnimationUsingKeyFrames>
  13.     </Storyboard>
  14. </VisualState>
  15. <VisualState x:Name="Disabled">
  16.     <Storyboard>
  17.         <ObjectAnimationUsingKeyFrames Storyboard.TargetProperty="Foreground" Storyboard.TargetName="ContentPresenter">
  18.             <DiscreteObjectKeyFrame KeyTime="0" Value="{StaticResource HyperlinkDisabledThemeBrush}"/>
  19.         </ObjectAnimationUsingKeyFrames>
  20.     </Storyboard>
  21. </VisualState>

In questi VisualState sono riportati i nomi delle risorse Brush utilizzate dal controllo, ed in particolare:

  • HyperlinkPointerOverForegroundThemeBrush : la risorsa brush utilizzata quando il mouse è posizionato sopra il link;
  • HyperlinkPressedForegroundThemeBrush : la risorsa brush utilizzata quando l’utente clicca con il mouse sul link;
  • HyperlinkDisabledThemeBrush : la risorsa brush utilizzata per il link disabilitato.

In realtà, se andiamo a cercare il tag Setter relativo al Foreground, troviamo anche la risorsa HyperlinkForegroundThemeBrush utilizzata per il foreground.

In questo modo se vogliamo cambiare tutti i brush utilizzati dai nostri HyperLinkButton possiamo ridefinire:

  1. <SolidColorBrush x:Key="HyperlinkForegroundThemeBrush" Color="Blue" />
  2. <SolidColorBrush x:Key="HyperlinkPointerOverForegroundThemeBrush" Color="Red" />
  3. <SolidColorBrush x:Key="HyperlinkPressedForegroundThemeBrush" Color="Green" />
  4. <SolidColorBrush x:Key="HyperlinkDisabledThemeBrush" Color="Yellow" />

e posizionare queste definizioni all’interno delle risorse dell’applicazione (o nell’App.xaml o, meglio in uno dei file xaml che contengono i nostri stili personalizzati).

Con le precedenti risorse otteniamo:

SNAGHTML24568bd9

Ovviamente, la copia del template dell’HyperlinkButton che ci è servita solamente per recuperare i nomi delle risorse può essere tranquillamente rimossa (a meno che non la si voglia personalizzare ulteriormente dal punto di vista grafico).

La tecnica utilizzata può essere, ovviamente, utilizzata anche per altri controlli di cui vogliamo personalizzare l’aspetto grafico (tipicamente i colori) senza ridefinire il template.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Tascam DR-05 registratore digitale per tutti

Diverso tempo fa ho acquistato il registratore digitale Tascam DR-05 e, ora, dopo diversi mesi di utilizzo, posso dire la mia a proposito.

Si tratta di un ottimo registratore digitale con microfono stereo che permette di ottenere registrazioni di ottima qualitaà anche in ambienti non perfetti dal punto di vista acustico.

Interessante la possibilità di utilizzare un cavalletto di piccole dimensioni come HAMA Mini treppiede o Mini Cavalletto Universale per tenere il microfono sollevato dal tavolo in fase di registrazione grazie allàattacco universale per macchina fotografica che il microfono ha nella parte inferiore.

Da segnalare anche il menu’ ben fatto e la possibilita’ di utilizzare una scheda SD esterna per memorizzare i file audio. Anche a livello di consumo batterie non e’ niente male. Consiglio l’uso delle alcaline non ricaricabili.

Il mio utilizzo e’ stato prettamente di registrazione di podcast vocali (no musica) ma le recensioni confermano che se la cava egregiamente con la mu…

Cambiare la lingua di Visual Studio 2008

Oggi ho avuto qualche problema installando Windows Mobile 6 Professional SDK Refresh e Windows Mobile 6 Standard SDK Refresh.Scaricati i file di installazione e installati, ho provato a creare un progetto di tipo Windows Mobile 6.0 e mi sono beccato questo errore:Dopo qualche smanettamento abbiamo scoperto (e ringrazio il mitico Matteo per l’aiuto) che il mio Visual Studio 2008, pur essendo in Inglese (prova ne era il fatto che gli hotfix e la SP installata erano nella lingua di Albione) aveva come lingua impostata quella del sistema operativo (italiano).Ovviamente, non avrebbe mai potuto trovare la cartella 1040 (italiano) visto che l’installazione dell’SDK aveva supposto che la lingua del Visual Studio fosse Inglese (1033).La soluzione del problema è duplice:1) Duplicate la cartella 1033 presente nel percorso evidenziato dall’errore e la rinominate 10402) cambiate la lingua di Visual Studio.Per questa ultima eventualità basta andare nel menù Strumenti/Opzioni:e cambiare il linguaggi…