Passa ai contenuti principali

Entity Framework: utilizzare tabelle provenienti da schema differenti

Supponiamo di avere una banca dati che vogliamo modellare con Entity Framework e che le tabelle in questa banca dati siano divise in schemi.

Ad esempio, supponiamo di voler modellare la nostra banca dati composta dalle seguenti tabelle:

Diagramma della bnaca dati con la tabella Ordini che appartiene allo schema Ordini mentre la tabella Tipi che appartiene allo schema Tipi.

Creiamo il modello Entity Framework che modella le due tabelle:

Modello Entity Framework ed impostiamo la proprietà Database Schema Name con il valore Ordini ad indicare che il nostro modello agisce sulle tabelle dello schema Ordini:

Proprietà Database Schema Name

A volte può succedere che il modello Entity Framework impostei entrambe le tabelle come appartenenti allo schema Ordini, ma una delle nostre tabelle, la TipiOrdine, non è nello schema Ordini ma nello schema Tipi.

Per poter dire al modello Entity Framework che la tabella TipiOrdini appartiene allo schema Tipi, possiamo agire sulla parte SSDL del modello stesso.

Per fare questo apriamo il file .edmx con un editor XML (tasto destro sul file all’interno di Visual Studio e tasto destro su Apri Con):

File edmx in visualizzazione XMLe modifichiamo a nostro piacimento l’attributo Schema del tag EntitySet.

In questa maniera possiamo decidere noi a quali schema appartengono le tabelle mappate nel modello Entity Framework.

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Creare uno shortcut con VB.NET

Prendendo spunto da un post comparso sul forum MSDN vorrei proporvi un tip su come creare uno shortcut utilizzando VB.NET.Per poter creare uno shortcut possiamo procedere in due modi: o ci studiamo la struttura del file .lnk e scriviamo una classe che è in grado di ricreare tale struttura oppure utilizziamo Windows Scripting Host.La prima soluzione è percorribile ma laboriosa perchè la struttura di un file lnk non è banale. Chi fosse interessato a vedere come è composto, internamente, un file lnk può scaricare la seguente reference guide (link).Io vorrei proporvi la seconda strada e realizzerò una classe che incapsula l’utilizzo di Windows Scripting Host.L’object model di Windows Scripting Host è contenuto nella dll IWshRuntimeLibrary che può essere referenziata, nel nostro progetto, utilizzando il tab COM della finestra di aggiunta delle reference:Tra gli oggetti che troviamo all’interno della libreria utilizzeremo la classe WshShell e la classe WshShortcut.La prima delle due rappres…

VB.NET for Dummies: Gli Eventi

Vorrei iniziare con questo post una serie dedicata ad aspetti di VB.NET di base che possono essere utile a coloro che si avvicinano al mondo .NET e che, in genere, non vengono trattati a livello base.La serie di post non ha la pretesa di essere assolutamente esaustivi sugli argomenti che tratteròIn questo primo post parleremo degli eventi.Cosa sono e a cosa servonoUn evento è la “notifica” dell’accadimento di qualcosa.Quando, ad esempio, premiamo un bottone della finestra di un’applicazione, dietro le quinte, il bottone stesso “notifica” al mondo circostante che qualcuno, in quell’istante, lo ha premuto.Sta, poi, al mondo circostante preoccuparsi di “intercettare” l’evento stesso per gestirlo (tramite un gestore di evento).Attenzione a non confondere la pressione del tasto con la “notifica” della pressione del tasto: l’evento è la “notifica” dell’accadimento, non l’accadimento stesso.Ma a cosa serve tutto ciò?Utilizzare gli eventi è un modo per disaccoppiare due o più attori del nostr…