Passa ai contenuti principali

VB.NET: If vs IIf

In questo post vorrei porre l’attenzione su due costrutti per eseguire istruzioni “if” inline, ed in particolare If e IIf.

If è un operatore del linguaggio che accetta due o tre argomenti mentre IIf è un metodo di una classe particolare che può essere utilizzato anche senza specificare quest’ultima come se fosse una parola chiave del linguaggio.

L’operatore If permette di eseguire un if inline potendo scegliere due modalità di chiamata:

  • If(<condizione>, <valore1>, <valore2>) : se la condizione è vera viene restituito <valore1>, altrimenti <valore2>.
    <valore1> e <valore2> possono essere oggetti, chiamate a metodo o, addirittura funzioni inline o lamdba expression. Quando l’If viene utilizzato in questa modalità, viene valutata la condizione e, in caso di condizione vera viene restituito il secondo argomento senza valutare il terzo. In caso di condizione falsa, viene restituito (valutandolo) il terzo argomento;
  • If(<valore1>, <valore2>): in questo caso, <valore1> deve essere un oggetto a riferimento o un nullable (non sono ammessi, quindi interi, double, strutture, etc., etc.). L’operatore restituisce <valore1> se questo non è Nothing, altrimenti restituisce <valore2>. In sostanza è equivalente alla If(<valore1> isnot nothing, <valore1>,<valore2>).

IIf, nonostante appaia come una parola chiave del linguaggio, è, invece, è un metodo statico della classe Interaction (contenuta nel namespace Microsoft.VisualBasic).

Quando utilizziamo IIf nel nostro codice, non siamo costretti a scrivere la sintassi Interaction.IIf ma è il compilatore che si occupa di sostituire tale sintassi al momento della compilazione.

Per verificare quanto detto, scriviamo la semplice classe:

  1. Public Class [MyClass]
  2.     Public Function IIfMethod(ByVal str As String) As String
  3.         Return CStr(IIf(String.IsNullOrEmpty(str), _
  4.                         "vuota", _
  5.                         str))
  6.     End Function
  7.     Public Function IfMethod(ByVal str As String) As String
  8.         Return If(String.IsNullOrEmpty(str), _
  9.                   "vuota", _
  10.                   str)
  11.     End Function
  12. End Class

Se compiliamo il codice e lo analizziamo utilizzando Reflector, otteniamo:

Codice generato da Visual Studio
Il codice disassemblato con Reflector ci mostra, appunto, che IIf si traduce nella chiamata al metodo IIf di Interaction.

Osserviamo, inoltre che IIf restituisce un object e che siamo, quindi, costretti ad effettuare una conversione di tipo per poterlo ricondurre al tipo che ci interessa.

IIf, a differenza della If, ha sempre tre argomenti e, si comporta come la If a tre argomenti eccetto per il fatto che il secondo e terzo argomento vengono sempre valutati (sono argomenti della chiamata ad un metodo di una classe e, in quanto tali, vengono comunque valutati). Questo comporta che se abbiamo il seguente codice:

  1. Dim tmpObj As String = Nothing
  2. Dim tmpRes = IIf(tmpObj Is Nothing, _
  3.                  "Vuota", _
  4.                  tmpObj.ToLower())

otteniamo un’eccezione NullReferenceException perché stiamo tentando di richiamare il metodo ToLower() su di un oggetto Nothing.

Altra differenza tra If e IIf è che la If ha la necessità che <valore1> e <valore2> abbiamo un tipo comune. Ad esempio non possiamo avere come <valore1> un Integer e come <valore2> una String ma possiamo avere come <valore1> un Integer  e come <valore2> un double. IIf, invece, accetta anche argomenti di tipo differente restituendo un object. Sta a noi effettuare l’opportuno cast del risultato per poter utilizzare correttamente l’oggetto.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Creare uno shortcut con VB.NET

Prendendo spunto da un post comparso sul forum MSDN vorrei proporvi un tip su come creare uno shortcut utilizzando VB.NET.Per poter creare uno shortcut possiamo procedere in due modi: o ci studiamo la struttura del file .lnk e scriviamo una classe che è in grado di ricreare tale struttura oppure utilizziamo Windows Scripting Host.La prima soluzione è percorribile ma laboriosa perchè la struttura di un file lnk non è banale. Chi fosse interessato a vedere come è composto, internamente, un file lnk può scaricare la seguente reference guide (link).Io vorrei proporvi la seconda strada e realizzerò una classe che incapsula l’utilizzo di Windows Scripting Host.L’object model di Windows Scripting Host è contenuto nella dll IWshRuntimeLibrary che può essere referenziata, nel nostro progetto, utilizzando il tab COM della finestra di aggiunta delle reference:Tra gli oggetti che troviamo all’interno della libreria utilizzeremo la classe WshShell e la classe WshShortcut.La prima delle due rappres…

Cambiare la lingua di Visual Studio 2008

Oggi ho avuto qualche problema installando Windows Mobile 6 Professional SDK Refresh e Windows Mobile 6 Standard SDK Refresh.Scaricati i file di installazione e installati, ho provato a creare un progetto di tipo Windows Mobile 6.0 e mi sono beccato questo errore:Dopo qualche smanettamento abbiamo scoperto (e ringrazio il mitico Matteo per l’aiuto) che il mio Visual Studio 2008, pur essendo in Inglese (prova ne era il fatto che gli hotfix e la SP installata erano nella lingua di Albione) aveva come lingua impostata quella del sistema operativo (italiano).Ovviamente, non avrebbe mai potuto trovare la cartella 1040 (italiano) visto che l’installazione dell’SDK aveva supposto che la lingua del Visual Studio fosse Inglese (1033).La soluzione del problema è duplice:1) Duplicate la cartella 1033 presente nel percorso evidenziato dall’errore e la rinominate 10402) cambiate la lingua di Visual Studio.Per questa ultima eventualità basta andare nel menù Strumenti/Opzioni:e cambiare il linguaggi…