Passa ai contenuti principali

VB for Dummies: Gli Eventi Custom

Nel precedente post di questa serie abbiamo visto cosa sono gli eventi. In questo post vedremo, invece, una specie particolare di eventi denominati “eventi custom”.

Cosa sono

Gli eventi custom sono a tutti gli effetti degli eventi ma danno la libertà allo sviluppatore di gestire tutte le fasi di vita degli stessi, cioè permettono di gestire:

  1. Aggancio degli handler;
  2. Rimozione degli handler;
  3. Esecuzione dell’evento.

Negli eventi standard (come abbiamo visto anche nel precedente post della serie) la gestione della lista dei delegate agganciati all’evento (aggiunta di un nuovo delegate, rimozione di un delegarte e invocazione dell’evento) sono a carico del compilatore e non dobbiamo preoccuparci di nulla.

Come si definiscono

Definire un evento custom è relativamente semplice, basta utilizzare la parola chiave Custom:

  1. Public Custom Event CustomEvent As MyDelegate
  2.     AddHandler(ByVal value As MyDelegate)
  3.  
  4.     End AddHandler
  5.  
  6.     RemoveHandler(ByVal value As MyDelegate)
  7.  
  8.     End RemoveHandler
  9.  
  10.     RaiseEvent()
  11.  
  12.     End RaiseEvent
  13. End Event

I custom event possono essere definiti solo urilizzando un delegate, quindi, dobbiamo definire la firma del nostro evento custom creando un delegate pubblico.

Come possiamo vedere dal precedente codice, il corpo del nostro custom event è formato da tre distinte sezioni:

  • AddHandler : è la sezione che si occupa di gestire l’accodamento di un nuovo gestore di evento. Questa sezione viene richiamata ogni qual volta che, nel codice, ci sia un’istruzione AddHandler riferita all’evento;
  • RemoveHandler: è la sezione che si occupa di gestire lo scodamento di un gestore di evento. Questa sezione viene richiamata ogni volta che, nel codice, ci sia un’istruzione RemoveHandler;
  • RaiseEvent: è la sezione che si occupa dell’invocazione dell’evento. Questa sezione viene richiamata ogni volta che, nel codice, viene eseguita un’istruzione RaiseEvent relativa all’evento.

Quando utilizzarli

Considerato il fatto che dobbiamo gestire noi la lista dei gestori di evento agganciati al nostro evento (lo possiamo fare utilizzando un MultiCastDelegate) e preoccuparci di invocare ognuno di questi nel momento in cui facciamo RaiseEvent, gli eventi custom sono da utilizzare solo quando veramente non possiamo farne a meno e, in particolare, quando vogliamo avere pieno controllo su tutte le fasi degli stessi.

Un esempio pratico

Per dare un esempio di come implementare un custom event supponiamo di voler relizzare una classe che disponga di un evento la cui modalità di invocazione sia costruita in modo da lanciare i gestori di evento associati in parallelo.

Normalmente, gli eventi standard eseguono i gestori di evento in maniera sequenziale a partire dal primo che è stato aggiunto tramite la parola chiave AddHandler.

Cominciamo definendo il delegate che rappresenta la firma del nostro evento:

  1. Public Delegate Sub MioEventoDelegate(ByVal str As String, ByVal datetime As DateTime)

Il delegate non ha, ovviamente, traccia del fatto che verrà utilizzato in un evento custom o in uno standard (e per far vedere questo la nostra classe conterrà anche un evento standard).

A questo punto definiamo l’evento custom con le strutture dati necessarie per gestire la lista dei gestori di evento:

  1. Private _EventoParalleloStore As MioEventoDelegate
  2.  
  3. Public Custom Event EventoParallelo As MioEventoDelegate
  4.     AddHandler(ByVal value As MioEventoDelegate)
  5.         If value Is Nothing Then Throw New ArgumentNullException()
  6.         Me._EventoParalleloStore = DirectCast([Delegate].Combine(Me._EventoParalleloStore, value), MioEventoDelegate)
  7.     End AddHandler
  8.  
  9.     RemoveHandler(ByVal value As MioEventoDelegate)
  10.         If value Is Nothing Then Throw New ArgumentNullException()
  11.         Me._EventoParalleloStore = DirectCast([Delegate].Remove(Me._EventoParalleloStore, value), MioEventoDelegate)
  12.     End RemoveHandler
  13.  
  14.     RaiseEvent(ByVal str As String, ByVal datetime As DateTime)
  15.         If _EventoParalleloStore IsNot Nothing Then
  16.             For Each e In _EventoParalleloStore.GetInvocationList()
  17.                 Dim thread = New Threading.Thread(AddressOf RaiseEventoParalleloThread)
  18.                 thread.Start(New ThreadParameter() With {.Delegate = e,
  19.                                                          .DateTime = datetime,
  20.                                                          .Str = str})
  21.             Next
  22.         End If
  23.     End RaiseEvent
  24. End Event


L’attributo privato _EventoParalleloStore si occupa di memorizzare la lista di gestori di evento associati all’evento. Di fatto si tratta di un MultiCastDelegate.

L’aggiunta di un gestore di evento (AddHandler) avviene utilizzando la funzione Combine tra _EventoParalleloStore e il delegate passato per argomento (value).

In maniera analoga utilizziamo il Remove della classe Delegate per rimuovere il gestore di evento.

La parte più interessante, è, infine, quella che si occupa di eseguire, in maniera parallela, i gestori di evento (RaiseEvent). In questo caso eseguiamo un ciclo su tutti i gestori presenti nella lista e, per ognuno di questi, lanciamo un thread che esegue la seguente funzione:

  1. Private Sub RaiseEventoParalleloThread(ByVal obj As Object)
  2.     Dim param = CType(obj, ThreadParameter)
  3.     param.Delegate.DynamicInvoke(param.Str, param.DateTime)
  4. End Sub

Per eseguire il gestore di evento (che lo ricordiamo è, alla fine dei conti, un delegate) è sufficiente richiamare il metodo DynamicInvoke.

Il risultato definitivo è che, quando nel codice della classe scriviamo:

  1. RaiseEvent EventoParallelo(str, DateTime.Now)

otteniamo che i gestori dell’avento eventualmente associati vengono richiamati su thread differenti in maniera parallela.

In allegato potete trovare la solution completa per Visual Studio 2010. In questa troverete una modifica relativa alla parte di invocazione dei gestori di evento in cui si utilizzano i Task.



Commenti

Post popolari in questo blog

MVP Reconnect …… ovvero quando entri nella “famigghia” resti sempre nella “famigghia”!!!

Ma di che “famigghia” stiamo parlando!!!!

Fermi tutti, non si tratta di robe strane o sette segrete o affari malavitosi….stiamo parlando della grande famiglia dei Microsoft MVP.

Per chi non sapesse cosa sono i Microsoft MVP, vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale del programma (link), ma, volendolo spiegare in pochisime parole, si tratta di un riconoscimento che Microsoft da a persone che si distinguono per il loro impegno, aiutando gli altri ad ottenere il massimo grazie alle tecnologie Microsoft. Si tratta di persone, non dipendenti Microsoft, che mettono la loro passione, il loro tempo, la loro buona volontà per la divulgazione e la condivisione della conoscenza. Non necessariamente (come qualcuno erroneamente sostiene, evidentemente non conoscendo le basi del programma) si tratta di professionisti nel termine letterale del termine ma si tratta comunque di un gruppo di persone che sacrifica un pò del suo tempo (e, a volte, vi assicuro neanche pò!!!) per la sua passione.

Pe…

Nuova versione del Band SDK

E’ di ieri l’annuncio del rilascio della nuova versione dell’SDK per il Microsoft Band.
Si tratta della versione 1.3.10417 (la precedente e, prima della serie, era la 1.3.10219 preview).
Maggiori informazioni, download dell’SDK per le tre piattaforme Windows Phone, iOS e Android all’indirizzo http://developer.microsoftband.com/.
Allo stesso indirizzo potrete trovare anche la documentazione.
Nei mesi scorsi mi sono gia’ occupato della precedente versione e questi sono i post che ne parlano:
Microsoft Band SDK Preview - First LookMicrosoft Band SDK Preview - ”Hello Band”Microsoft Band SDK Preview - Accesso ai sensoriMicrosoft Band SDK Preview - TileMicrosoft Band SDK Preview - NotificheMicrosoft Band SDK Preview - Personalizzazione
Gli argomenti trattati e il codice proposto dovrebbe, ad una prima lettura delle nuove funzionalita’ inserite, essere ancora valido e funzionante ma nei prossimi giorni prendero’ in esame tutti gli argomenti dei precedenti post e vedremo cosa cambia e cosa e’ …

Template di progetto per sviluppare applicazioni WPF con Intel® RealSense™

E’ disponibile, nella gallery di Visual Studio, la prima versione del mio template di progetto per applicazioni WPF scritte in C# che permette di realizzare applicazioni con l’SDK di Intel® RealSense™.Il template si può scaricare direttamente all’interno Visual Studio utilizzando il tool “Extensions and Updates”oppure all’indirizzo https://visualstudiogallery.msdn.microsoft.com/1c36ecfd-8c00-4aee-b20c-a1726ab6424dIl template esegue le seguenti operazioni per voi:Aggiunge la reference all’assembly libpxcclr.cs.dll (nelle due distinte versioni per x86 e x64);Aggiunge lo script di post build per copiare la libreria libpxccpp2c.dll dalla cartella dell’SDK alla cartella bin del vostro progetto.Una volta creato il progetto dovete rimuovere la configurazione di compilazione AnyCPU (che non ha più senso) dalla vostra solution e sarete pronti per sviluppare con Intel® RealSense™.Ovviamente dovete installare l’SDK che potete scaricare all’indirizzo https://software.intel.com/en-us/intel-realsen…