Passa ai contenuti principali

Come ti estendo lo startup di un’applicazione web

In questo post vorrei porre l’attenzione su una modalità (a dir la verità abbastanza misconosciuta) per estendere lo startup di una applicazione web.

Con il termine “estendere lo startup” di una applicazione web intendo la possibilità di eseguire del codice (vedremo in seguito sotto quali condizioni) senza dover ricorrere alla modifica del Global.asax o alla modifica del file di configurazione (ad esempio per aggiungere dei Module).

La “magica” classe che permette tutto ciò è la PreApplicationStartMethodAttribute contenuta nel namespace System.Web (assembly System.Web.dll).

Si tratta di un attributo applicabile ad un assembly che permette di dichiarare un metodo di un tipo che deve essere eseguito allo startup dell’applicazione.

Cosa vuol dire in soldoni?

Facciamo un esempio molto semplice ma che può far capire il meccanismo.

Supponiamo di voler creare un Modulo HTTP che venga automaticamente agganciato al nostro sito web e che si occupi di non permettere di scaricare risorse da una determinata cartella (ad esempio una cartella chiamata “protected”).

Il nostro module ha una forma del genere:

  1. Imports System.Web
  2.  
  3. Public Class ProtectionModule
  4.     Implements IHttpModule
  5.  
  6.     Public Sub Dispose() Implements System.Web.IHttpModule.Dispose
  7.  
  8.     End Sub
  9.  
  10.     Public Sub Init(context As System.Web.HttpApplication) Implements System.Web.IHttpModule.Init
  11.         AddHandler context.EndRequest, AddressOf EndRequestHandler
  12.     End Sub
  13.  
  14.     Private Sub EndRequestHandler(sender As Object, e As EventArgs)
  15.         Dim app = CType(sender, HttpApplication)
  16.         If app.Request.FilePath.ToLower().StartsWith("/protected") Then
  17.             app.Response.ClearContent()
  18.         End If
  19.     End Sub
  20. End Class

Semplicemente, all’interno del gestore di evento EndRequest, verifichiamo che la risorsa non sia contenuta nella cartella “Protected” (o in una sua sottocartella) e, in quel caso, svuotiamo il contenuto della response.

A questo punto il modulo deve essere agganciato al nostro sito utilizzando l’apposita sezione di configurazione del web.config, ma noi vogliamo fare in modo che tale modulo sia agganciato sempre a prescindere dalla configurazione.

Per fare questo definiamo un metodo shared che verrà richiamato dal framework alla partenza dell’applicazione (Start):

  1. Public Sub Start()
  2.      DynamicModuleUtility.RegisterModule(GetType(ProtectionModule))
  3. End Sub

La classe DynamicModuleUtility si trova nel namespace Microsoft.Web.Infrastructure.DynamicModuleHelper e permette di registrare a run-time un modulo.

Definito il modulo e creato il metodo di start non ci resta che utilizzare l’attributo PreApplicationStartMethodAttribute per dire al framework di eseguire lo Start all’avvio dell’applicazione:

  1. Imports System.Web
  2. Imports Microsoft.Web.Infrastructure.DynamicModuleHelper
  3.  
  4. <Assembly: PreApplicationStartMethod(GetType(protectionModule), "Start")>
  5.  
  6. Public Class ProtectionModule
  7.     Implements IHttpModule
  8.  
  9.     Public Shared Sub Start()
  10.         DynamicModuleUtility.RegisterModule(GetType(ProtectionModule))
  11.     End Sub
  12.  
  13.     Public Sub Dispose() Implements System.Web.IHttpModule.Dispose
  14.  
  15.     End Sub
  16.  
  17.     Public Sub Init(context As System.Web.HttpApplication) Implements System.Web.IHttpModule.Init
  18.         AddHandler context.EndRequest, AddressOf EndRequestHandler
  19.     End Sub
  20.  
  21.     Private Sub EndRequestHandler(sender As Object, e As EventArgs)
  22.         Dim app = CType(sender, HttpApplication)
  23.         If app.Request.FilePath.ToLower().StartsWith("/protected") Then
  24.             app.Response.ClearContent()
  25.         End If
  26.     End Sub
  27. End Class

A questo punto se la classe è nel web site in cui dobbiamo utilizzarla oppure si trova in un assembly in esso referenziato, il metodo start verrà eseguito allo start dell’applicazione e il modulo registrato.

Il tipo da eseguire all’avvio (il modulo nel nostro caso) deve essere pubblico e il metodo da eseguire Shared, altrimenti si ottiene una bella eccezione.

Altro vincolo è dato dal fatto che l’attributo PreApplicationStartMethodAttribute ha la seguente definizione:

  1. <AttributeUsageAttribute(AttributeTargets.Assembly, AllowMultiple := False)> _
  2. Public NotInheritable Class PreApplicationStartMethodAttribute _
  3.     Inherits Attribute

Come possiamo osservare si ha AllowMultiple=false il che significa che possiamo inserire un solo attributo per assembly.

Se abbiamo la necessità di gestire più oggetti di avvio, possiamo creare una classe di bootstrap formata dal solo metodo start al cui interno eseguiamo tutto ciò che dobbiamo fare:

  1. <Assembly: PreApplicationStartMethod(GetType(Bootstrapper), "Start")>
  2.  
  3. Public NotInheritable Class Bootstrapper
  4.     Public Shared Sub Start()
  5.         DynamicModuleUtility.RegisterModule(GetType(ProtectionModule))
  6.         ' altre attivit? da svolgere
  7.     End Sub
  8. End Class

 

Commenti

Post popolari in questo blog

MVP Reconnect …… ovvero quando entri nella “famigghia” resti sempre nella “famigghia”!!!

Ma di che “famigghia” stiamo parlando!!!!

Fermi tutti, non si tratta di robe strane o sette segrete o affari malavitosi….stiamo parlando della grande famiglia dei Microsoft MVP.

Per chi non sapesse cosa sono i Microsoft MVP, vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale del programma (link), ma, volendolo spiegare in pochisime parole, si tratta di un riconoscimento che Microsoft da a persone che si distinguono per il loro impegno, aiutando gli altri ad ottenere il massimo grazie alle tecnologie Microsoft. Si tratta di persone, non dipendenti Microsoft, che mettono la loro passione, il loro tempo, la loro buona volontà per la divulgazione e la condivisione della conoscenza. Non necessariamente (come qualcuno erroneamente sostiene, evidentemente non conoscendo le basi del programma) si tratta di professionisti nel termine letterale del termine ma si tratta comunque di un gruppo di persone che sacrifica un pò del suo tempo (e, a volte, vi assicuro neanche pò!!!) per la sua passione.

Pe…

Template di progetto per sviluppare applicazioni WPF con Intel® RealSense™

E’ disponibile, nella gallery di Visual Studio, la prima versione del mio template di progetto per applicazioni WPF scritte in C# che permette di realizzare applicazioni con l’SDK di Intel® RealSense™.Il template si può scaricare direttamente all’interno Visual Studio utilizzando il tool “Extensions and Updates”oppure all’indirizzo https://visualstudiogallery.msdn.microsoft.com/1c36ecfd-8c00-4aee-b20c-a1726ab6424dIl template esegue le seguenti operazioni per voi:Aggiunge la reference all’assembly libpxcclr.cs.dll (nelle due distinte versioni per x86 e x64);Aggiunge lo script di post build per copiare la libreria libpxccpp2c.dll dalla cartella dell’SDK alla cartella bin del vostro progetto.Una volta creato il progetto dovete rimuovere la configurazione di compilazione AnyCPU (che non ha più senso) dalla vostra solution e sarete pronti per sviluppare con Intel® RealSense™.Ovviamente dovete installare l’SDK che potete scaricare all’indirizzo https://software.intel.com/en-us/intel-realsen…

Nuova versione del Band SDK

E’ di ieri l’annuncio del rilascio della nuova versione dell’SDK per il Microsoft Band.
Si tratta della versione 1.3.10417 (la precedente e, prima della serie, era la 1.3.10219 preview).
Maggiori informazioni, download dell’SDK per le tre piattaforme Windows Phone, iOS e Android all’indirizzo http://developer.microsoftband.com/.
Allo stesso indirizzo potrete trovare anche la documentazione.
Nei mesi scorsi mi sono gia’ occupato della precedente versione e questi sono i post che ne parlano:
Microsoft Band SDK Preview - First LookMicrosoft Band SDK Preview - ”Hello Band”Microsoft Band SDK Preview - Accesso ai sensoriMicrosoft Band SDK Preview - TileMicrosoft Band SDK Preview - NotificheMicrosoft Band SDK Preview - Personalizzazione
Gli argomenti trattati e il codice proposto dovrebbe, ad una prima lettura delle nuove funzionalita’ inserite, essere ancora valido e funzionante ma nei prossimi giorni prendero’ in esame tutti gli argomenti dei precedenti post e vedremo cosa cambia e cosa e’ …