Passa ai contenuti principali

Integrare le funzionalità di Bing nei nostri siti web – Parte 2 – Parametri di Query

In questo post ha lo scopo di esporre i possibili parametri che si possono utilizzare nei servizi offerti dalla piattaforma Bing (esposta nel precedente post).

Anche in questo caso utilizzeremo la modalità di accesso XML. Il discorso si può facilmente ripetere per le altre modalità JSON e SOAP.

Non esaminerò tutte le possibili sorgenti di ricerca fornite da Bing ma solamente quelle ritenute più interessanti, fornendo comunque gli opportuni riferimenti per potersi documentare sulle sorgenti non citate.

Per riprendere il discorso, una chiamata alle API di Bing per recuperare dei risultati di ricerca ha la forma:

 http://api.search.live.net/xml.aspx?Appid=<appid>&query=<parole da cercare>&sources=<sorgenti di ricerca> 

     Parametri comuni

Esistono dei parametri generali, comuni, cioè, a qualsiasi eventuale fonte di ricerca si scelga.
In particolare abbiamo:

AppId : AppID generato sul sito riservato ai Developer, necessario per accedere ai servizi;

Query : elenco delle parole da ricercare;

Sources : una o più sorgenti dati (vedere post precedente);

Version : rappresenta la versione della API di Bing che si intende utilizzare. Se non impostato viene preso il valore 2.1;

Market : rappresenta la nazione/cultura per cui deve essere effettuata la ricerca. Se non viene impostato, il motore di Bing cerca di dedurre la lingua tramite algoritmi quali l’indirizzo IP e così via;

Adult : indica il filtro per adulti impostato per la ricerca. Se non impostato, viene preso il valore di default, dipendente dal market selezionato. I possibili valori del parametro sono:
    
Off : non viene utilizzato alcun filtro,
    
Moderate : i risultati della ricerca non includono immagini o
                      video ma possono includere del testo a sfondo
                      sessuale,
     Strict : i risultati non debbono includere nè testo, nè
                immagini e nè foto per adulti;

Options : permette di impostare alcune proprietà comuni a tutte le sorgenti di ricerca come l’abilitazione del riconoscimento automatico della nazione;

Latitude : imposta la latitudine geografica in cui centrare la ricerca in modo da rendere la ricerca più accurata;

Longitude : imposta la longitudine geografica in cui centrare la ricerca in modo da renderla più accurata;

UILanguage : imposta la lingua dell’interfaccia grafica;

Radius : imposta il raggio di ricerca per la richiesta. Da utilizzare alla stregua della latitudine e della longitudine per rendere più accurata la ricerca.

     Parametri comuni a tutte le sorgenti

Esistono, inoltre, altri parametri comuni a tutte le sorgenti di ricerca e che possono essere valorizzati in maniera indipendente da sorgente a sorgente.
Questi parametri si possono impostare sulla singola sorgente di ricerca utilizzando la sintassi:

<nome sorgente>.<parametro>

Tra questi troviamo:

Count : specifica il numero di record da restituire;

Offset : specifica il numero del primo record dei risultati di ricerca.

Di seguito riporto i parametri di due sorgenti interessanti come Image e Video (per le altre sorgenti si possono consultare i riferimenti riportati in calce al post).

     Image

La sorgente Image permette di ricercare immagini.
Possiamo decidere quale tipologia di immagini ricercare in termini di dimensioni (altezza e larghezza), presenza o meno di volti o persone, formato dell’immagine (ritratto o paesaggio), se si tratta di un disegno o una foto oppure se è a colori o meno.
Il parametro è Image.Filters e può assumere la combinazione di una serie di valori (l’insieme dei valori è consultabile al seguente link).

Ad esempio, la seguente richiesta:

http://api.search.live.net/xml.aspx?Appid=<appid>&query=colosseo&sources=Image&Image.Filters=Size:Small+Color:Monochrome

restituisce il seguente risultato:

04-08-2009 22.45

La prima immagine risultato è :

pianta1_small

     Video

La sorgente di tipo Video consente di ricercare tra i file di tipo video presenti in rete.

Se proviamo a digitare il seguente URL

http://api.search.live.net/xml.aspx?Appid=<appid>&query=Visual+Studio+2010&sources=Video&market=it-IT&Video.Filters=Resolution:Low

nella barra indirizzi del browser, otteniamo la seguente risposta: 

captured_Image.png[7]

     Riferimenti

Per maggiori informazioni potete consultare la documentazione presente ai seguenti link:

Bing API, Version 2
Bing Developer Center

 

Commenti

Post popolari in questo blog

MVP Reconnect …… ovvero quando entri nella “famigghia” resti sempre nella “famigghia”!!!

Ma di che “famigghia” stiamo parlando!!!!

Fermi tutti, non si tratta di robe strane o sette segrete o affari malavitosi….stiamo parlando della grande famiglia dei Microsoft MVP.

Per chi non sapesse cosa sono i Microsoft MVP, vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale del programma (link), ma, volendolo spiegare in pochisime parole, si tratta di un riconoscimento che Microsoft da a persone che si distinguono per il loro impegno, aiutando gli altri ad ottenere il massimo grazie alle tecnologie Microsoft. Si tratta di persone, non dipendenti Microsoft, che mettono la loro passione, il loro tempo, la loro buona volontà per la divulgazione e la condivisione della conoscenza. Non necessariamente (come qualcuno erroneamente sostiene, evidentemente non conoscendo le basi del programma) si tratta di professionisti nel termine letterale del termine ma si tratta comunque di un gruppo di persone che sacrifica un pò del suo tempo (e, a volte, vi assicuro neanche pò!!!) per la sua passione.

Pe…

Template di progetto per sviluppare applicazioni WPF con Intel® RealSense™

E’ disponibile, nella gallery di Visual Studio, la prima versione del mio template di progetto per applicazioni WPF scritte in C# che permette di realizzare applicazioni con l’SDK di Intel® RealSense™.Il template si può scaricare direttamente all’interno Visual Studio utilizzando il tool “Extensions and Updates”oppure all’indirizzo https://visualstudiogallery.msdn.microsoft.com/1c36ecfd-8c00-4aee-b20c-a1726ab6424dIl template esegue le seguenti operazioni per voi:Aggiunge la reference all’assembly libpxcclr.cs.dll (nelle due distinte versioni per x86 e x64);Aggiunge lo script di post build per copiare la libreria libpxccpp2c.dll dalla cartella dell’SDK alla cartella bin del vostro progetto.Una volta creato il progetto dovete rimuovere la configurazione di compilazione AnyCPU (che non ha più senso) dalla vostra solution e sarete pronti per sviluppare con Intel® RealSense™.Ovviamente dovete installare l’SDK che potete scaricare all’indirizzo https://software.intel.com/en-us/intel-realsen…