Passa ai contenuti principali

Integrare le funzionalità di Bing nei nostri siti web – Parte 5 – JSON & SOAP

In questo post della serie riservata a Bing diamo, rapidamente, un’occhiata agli entry point delle API che si basano sui protocolli JSON e SOAP. Le precedenti puntate sono disponibili ai seguenti link: Parte 1, Parte 2, Parte 3 e Parte 4.

     JSON

L’entry point per ottenere una risposta alla nostra ricerca con la serializzazione JSON è il seguente:

http://api.search.live.net/json.aspx

Tutti i discorsi visti nei precedenti posts relativi ai parametri di configurazione della ricerca sono ancora validi, per questo motivo, se effettuiamo una richiesta Get al seguente indirizzo:

http://api.search.live.net/json.aspx?Appid=<appid>&query=Bing&sources=Web&Ewb.count=2

otteniamo:

captured_Image.png

     Parametro JsonType

Nelle richieste JSON è possibile specificare il formato con cui restituire i risultati della ricerca tramite il parametro JsonType.
I possibili valori per JsonType sono:

raw : i risultati di ricerca sono restituiti in puro JSON;

callback : i risultati di ricerca vengono restituiti come argomento della funzione javascript indicata nel parametro JsonCallback;

function : viene restituita una funzione Javascript la cui chiamata restituisce i risultati di ricerca.

Se il parametro non viene assegnato, viene preso il valore raw per default.

     SOAP

Le funzionalità di ricerca di Bing sono utilizzabili anche tramite il protocollo SOAP referenziando il wsdl presente all’indirizzo:

http://api.bing.net/search.wsdl?AppID=<appid>&Version=2.2

Nella seguente figura riportiamo uno scorcio del wsdl:

captured_Image.png[6]

Per informazioni sull’utilizzo dei servizi web service esposti in formato SOAP e delle classi proxy che vengono generate dalla reference al WSDL, vi consiglio di guardare la documentazione ufficiale al seguente link.

La seguente funzione permette di effettuare la ricerca dei video presenti in rete che rispondono ai criteri di ricerca passati per argomento:

Public Function Search(ByVal text As String, _



                       ByVal recordCount As UInteger, _



                       ByRef totalPage As UInteger, _



                       Optional ByVal pageNumber As UInteger = 0, _



                       Optional ByVal market As String = "it-IT") As List(Of BingAPI.VideoResult)



        Dim retList As List(Of BingAPI.VideoResult) = Nothing



        If Not String.IsNullOrEmpty(text) Then



            Dim startIndex = recordCount * pageNumber



            Dim parameters = New BingAPI.SearchRequest()



            parameters.Video = New BingAPI.VideoRequest()



            parameters.Video.Count = recordCount



            parameters.Video.Offset = startIndex



            parameters.Market = market



            parameters.Query = text



            Using srv As New BingAPI.BingPortTypeClient()



                Try



                    Dim response = Me._Service.Search(parameters)



                    retList = response.Video.Results.ToList()



                    totalPage = CUInt(Math.Truncate(response.Video.Total / recordCount + 0.5))



                Catch ex As Exception



                    Throw



                End Try



            End Using



        Else



            retList = New List(Of BingAPI.VideoResult)



        End If



        Return retList



    End Function




La funzione accetta un testo di ricerca, un numero di record per pagina, il numero di pagina da restituire (opzionale), il market (opzionale) e restituisce il numero totale (approssimato) di elementi della ricerca e la lista dei risultati.

La classe VideoResult è una delle classi wrapper generate dalla reference al servizio SOAP di Bing:



captured_Image.png[1]



La classe BingPointPortClient è, invece, la classe per l’accesso al servizio di ricerca:



 



captured_Image.png[1]



Il protocollo SOAP è, decisamente, più semplice da utilizzare, fornendo in maniera automatica le wrapper classi per la gestione dei risultati.



     Riferimenti



Per maggiori informazioni potete consultare la documentazione presente ai seguenti link:



Bing API, Version 2


Bing Developer Center



 



Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

VB.NET for Dummies: Gli Eventi

Vorrei iniziare con questo post una serie dedicata ad aspetti di VB.NET di base che possono essere utile a coloro che si avvicinano al mondo .NET e che, in genere, non vengono trattati a livello base.La serie di post non ha la pretesa di essere assolutamente esaustivi sugli argomenti che tratteròIn questo primo post parleremo degli eventi.Cosa sono e a cosa servonoUn evento è la “notifica” dell’accadimento di qualcosa.Quando, ad esempio, premiamo un bottone della finestra di un’applicazione, dietro le quinte, il bottone stesso “notifica” al mondo circostante che qualcuno, in quell’istante, lo ha premuto.Sta, poi, al mondo circostante preoccuparsi di “intercettare” l’evento stesso per gestirlo (tramite un gestore di evento).Attenzione a non confondere la pressione del tasto con la “notifica” della pressione del tasto: l’evento è la “notifica” dell’accadimento, non l’accadimento stesso.Ma a cosa serve tutto ciò?Utilizzare gli eventi è un modo per disaccoppiare due o più attori del nostr…

Creare uno shortcut con VB.NET

Prendendo spunto da un post comparso sul forum MSDN vorrei proporvi un tip su come creare uno shortcut utilizzando VB.NET.Per poter creare uno shortcut possiamo procedere in due modi: o ci studiamo la struttura del file .lnk e scriviamo una classe che è in grado di ricreare tale struttura oppure utilizziamo Windows Scripting Host.La prima soluzione è percorribile ma laboriosa perchè la struttura di un file lnk non è banale. Chi fosse interessato a vedere come è composto, internamente, un file lnk può scaricare la seguente reference guide (link).Io vorrei proporvi la seconda strada e realizzerò una classe che incapsula l’utilizzo di Windows Scripting Host.L’object model di Windows Scripting Host è contenuto nella dll IWshRuntimeLibrary che può essere referenziata, nel nostro progetto, utilizzando il tab COM della finestra di aggiunta delle reference:Tra gli oggetti che troviamo all’interno della libreria utilizzeremo la classe WshShell e la classe WshShortcut.La prima delle due rappres…