Passa ai contenuti principali

Appunti di WPF – Decima Puntata – Object Resources

Nel precedente tutorial abbiamo visto come sia possibile inserire delle risorse all’interno dei nostri assembly e come sia possibile referenziare le risorse stesse all’interno di una nostra applicazione WPF.

In questo tutorial vedremo un’altra modalità per definire le risorse all’interno delle nostre applicazioni che si basa sulla definizione dichiarativa tramite XAML.

Come già detto nei precedenti tutorial lo XAML è un linguaggio, derivato dall’XML, che di fatto ci permette di istanziare oggetti di qualsiasi classe. Quando scriviamo lo XAML:

  1. <Button Margin="5" Content="Premi" FontSize="26">
  2.  
  3. </Button>

Con questo codice stiamo chiedendo all’interprete XAML di istanziare un oggetto di classe Button con la proprietà Margin pari a “5”, la proprietà Content pari a “Premi” e la FontSize uguale a ”26”.

In sostanza, possiamo istanziare qualsiasi classe preveda un costruttore senza parametri e che preveda delle proprietà pubbliche.

Questo meccanismo si può applicare anche ad altri oggetti, in particolare, se scriviamo:

  1. <Button Margin="5" Content="Premi" FontSize="26">
  2.     <Button.Foreground>
  3.         <RadialGradientBrush>
  4.             <GradientStopCollection>
  5.                 <GradientStop Color="red" Offset="0"></GradientStop>
  6.                 <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  7.             </GradientStopCollection>
  8.         </RadialGradientBrush>
  9.     </Button.Foreground>
  10.     <Button.Background>
  11.         <RadialGradientBrush>
  12.             <GradientStopCollection>
  13.                 <GradientStop Color="blue" Offset="0"></GradientStop>
  14.                 <GradientStop Color="cyan" Offset="0.5"></GradientStop>
  15.                 <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  16.             </GradientStopCollection>
  17.         </RadialGradientBrush>
  18.     </Button.Background>
  19. </Button>

Intendiamo dire che il foreground (cioè il “colore” delle scritte) ed il background (cioè lo sfondo del bottone) sono, in realtà, delle istanze della classe RadialGradientBrush.

Immaginiamo, ora, di voler fare in modo che tutti i nostri bottoni abbiano lo stesso foreground e lo stesso background. Evidentemente possiamo ripetere lo XAML relativo ai nodi <Button.Foreground> e <Button.Background> per tutti i nodi Button del nostro XAML. Così facendo, però, scriviamo tantissimo codice inutile e, soprattutto, il nostro codice è poco pronto ad eventuali cambiamenti che debbono essere riportati a mano su tutti i bottoni.

Sarebbe interessante avere un modo per definire il background ed il foreground da qualche parte e indicare, all’interno dei button, semplicemente il nome dell’oggetto da utilizzare.

La classe base FrameworkElement mette a disposizione dello sviluppatore una proprietà di tipo Dictionary denominata Resources in cui è possibile inserire delle risorse, cioè oggetti che possono essere referenziati in base ad una chiave.

Nell’esempio precedente possiamo definire, all’interno delle risorse della finestra della nostra applicazione WPF, due oggetti che chiameremo ForegroundGradient e BackgroundGradient:

  1. <Window.Resources>
  2.     <RadialGradientBrush x:Key="ForegroundGradient" >
  3.         <GradientStopCollection>
  4.             <GradientStop Color="red" Offset="0"></GradientStop>
  5.             <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  6.         </GradientStopCollection>
  7.     </RadialGradientBrush>
  8.     <RadialGradientBrush x:Key="BackgroundGradient">
  9.         <GradientStopCollection>
  10.             <GradientStop Color="blue" Offset="0"></GradientStop>
  11.             <GradientStop Color="cyan" Offset="0.5"></GradientStop>
  12.             <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  13.         </GradientStopCollection>
  14.     </RadialGradientBrush>
  15. </Window.Resources>

Definite queste risorse possiamo agganciare le stesse nel nostro XAML utilizzando una notazione di binding:

  1. <Button Margin="5" Content="Premi" FontSize="26"
  2.         Foreground="{StaticResource ResourceKey=ForegroundGradient}"
  3.         Background="{StaticResource ResourceKey=BackgroundGradient}">
  4. </Button>

In questo modo indichiamo all’interprete XAML di utilizzare per il background ed il foreground due risorse “statiche” recuperate tramite le due chiavi “ForegroundGradient” e “BackgroundGradient”.

Come detto in precedenza, la collezione Resources è una proprietà delle classi derivate da UIElement, cioè da tutti i controli grafici che possiamo utilizzare nelle nostre interfacce WPF.

Per questo motivo, potremmo definire la seguente interfaccia grafica:

  1. <Window x:Class="DubleResourcesWindow"
  2.     xmlns="http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml/presentation"
  3.     xmlns:x="http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml"
  4.     Title="DubleResourcesWindow" Height="300" Width="300">
  5.     <Window.Resources>
  6.         <RadialGradientBrush x:Key="ForegroundGradient">
  7.             <GradientStopCollection>
  8.                 <GradientStop Color="red" Offset="0"></GradientStop>
  9.                 <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  10.             </GradientStopCollection>
  11.         </RadialGradientBrush>
  12.         <RadialGradientBrush x:Key="BackgroundGradient">
  13.             <GradientStopCollection>
  14.                 <GradientStop Color="blue" Offset="0"></GradientStop>
  15.                 <GradientStop Color="cyan" Offset="0.5"></GradientStop>
  16.                 <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  17.             </GradientStopCollection>
  18.         </RadialGradientBrush>
  19.     </Window.Resources>
  20.     <Grid>
  21.         <Grid.RowDefinitions>
  22.             <RowDefinition Height="50"></RowDefinition>
  23.             <RowDefinition Height="50"></RowDefinition>
  24.             <RowDefinition Height="*"></RowDefinition>
  25.         </Grid.RowDefinitions>
  26.         <Button Margin="5" Content="Premi" FontSize="26"
  27.                 Foreground="{StaticResource ResourceKey=ForegroundGradient}"
  28.                 Background="{StaticResource ResourceKey=BackgroundGradient}">
  29.         </Button>
  30.         <Button Margin="5" Content="Premi" FontSize="26" Grid.Row="1"
  31.                 Foreground="{StaticResource ResourceKey=ForegroundGradient}">
  32.             <Button.Resources>
  33.                 <RadialGradientBrush x:Key="BackgroundGradient">
  34.                     <GradientStopCollection>
  35.                         <GradientStop Color="black" Offset="0"></GradientStop>
  36.                         <GradientStop Color="gray" Offset="0.5"></GradientStop>
  37.                         <GradientStop Color="white" Offset="1"></GradientStop>
  38.                     </GradientStopCollection>
  39.                 </RadialGradientBrush>
  40.             </Button.Resources>
  41.             <Button.Background>
  42.                 <StaticResourceExtension ResourceKey="BackgroundGradient"></StaticResourceExtension>
  43.             </Button.Background>
  44.         </Button>
  45.     </Grid>
  46. </Window>

In questo caso, il secondo bottone utilizza la risorsa “Background” come sfondo ma non accede alla risorsa con la stessa chiave memorizzata nel dictionary delle risorse della Window bensì alla risorsa contenuta nelle risorse del bottone stesso.

Il risultato è il seguente:

WPF_10_ObjectResources_Fig1

Ogni controllo, quindi, dispone, potenzialmente, di un proprio dizionario di risorse e lo sviluppatore può decidere dove inserire per renderle o meno visibili ai controlli.

Il framework, infatti, comincia a ricercare la risorsa indicata dal dizionario del controllo stesso per risalire l’albero gerarchico dei controlli fino ad arrivare alla Window e, in seguito, al dizionario delle risorse dell’application. Verrà utilizzata la prima risorsa trovata con la chiave indicata.

Possiamo, infatti, inserire le risorse anche nel file Application.xaml in modo da renderle visibili a tutta l’applicazione.

Il dizionario delle risorse è accessibile anche da codice:

  1. Dim background = CType(Me.Resources("BackgroundGradient"), GradientBrush)
  2. background.GradientStops(0).Color = Colors.Green
  3. background.GradientStops(1).Color = Colors.LightGreen

In quest’ultimo esempio recuperiamo il gradientbrush contenuto nel repository delle risorse e modifichiamo i primi due GradientStop cambiando i colori degli stessi. Se, invece, vogliamo recuperare la risorsa effettivamente utilizzata dal controllo possiamo utilizzare il metodo FindResource disponibile nella classe FrameworkElement.

Ultima cosa da analizzare è la modalità con cui le risorse vengono “agganciate” alla corrispondente proprietà:

  1. Background="{StaticResource ResourceKey=BackgroundGradient}"

In questa sintassi di binding compare la parola StaticResource che dice al compilatore di leggere la risorsa dallo XAML solo la prima volta che serve. In alternativa possiamo utilizzare la parola chiave DynamicResource che, invece, informa l’interprete XAML di recuperare la risorsa ogni volta che serve.

L’utilità della parola chiave DynamicResource si apprezza quando abbiamo a che fare con risorse che possono cambiare mentre la nostra applicazione è in esecuzione e abbiamo la necessità di aggiornare la nostra interfaccia in base al loro cambiamento. Un esempio sono i colori del sistema operativo.


Scarica la versione PDF dell'articolo. Scarica la versione Amazon Kindle dell'articolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

VB.NET for Dummies: Gli Eventi

Vorrei iniziare con questo post una serie dedicata ad aspetti di VB.NET di base che possono essere utile a coloro che si avvicinano al mondo .NET e che, in genere, non vengono trattati a livello base.La serie di post non ha la pretesa di essere assolutamente esaustivi sugli argomenti che tratteròIn questo primo post parleremo degli eventi.Cosa sono e a cosa servonoUn evento è la “notifica” dell’accadimento di qualcosa.Quando, ad esempio, premiamo un bottone della finestra di un’applicazione, dietro le quinte, il bottone stesso “notifica” al mondo circostante che qualcuno, in quell’istante, lo ha premuto.Sta, poi, al mondo circostante preoccuparsi di “intercettare” l’evento stesso per gestirlo (tramite un gestore di evento).Attenzione a non confondere la pressione del tasto con la “notifica” della pressione del tasto: l’evento è la “notifica” dell’accadimento, non l’accadimento stesso.Ma a cosa serve tutto ciò?Utilizzare gli eventi è un modo per disaccoppiare due o più attori del nostr…

Creare uno shortcut con VB.NET

Prendendo spunto da un post comparso sul forum MSDN vorrei proporvi un tip su come creare uno shortcut utilizzando VB.NET.Per poter creare uno shortcut possiamo procedere in due modi: o ci studiamo la struttura del file .lnk e scriviamo una classe che è in grado di ricreare tale struttura oppure utilizziamo Windows Scripting Host.La prima soluzione è percorribile ma laboriosa perchè la struttura di un file lnk non è banale. Chi fosse interessato a vedere come è composto, internamente, un file lnk può scaricare la seguente reference guide (link).Io vorrei proporvi la seconda strada e realizzerò una classe che incapsula l’utilizzo di Windows Scripting Host.L’object model di Windows Scripting Host è contenuto nella dll IWshRuntimeLibrary che può essere referenziata, nel nostro progetto, utilizzando il tab COM della finestra di aggiunta delle reference:Tra gli oggetti che troviamo all’interno della libreria utilizzeremo la classe WshShell e la classe WshShortcut.La prima delle due rappres…