Passa ai contenuti principali

Appunti di WPF – Ottava Puntata – Content Controls

Un controllo, in WPF, è un oggetto in grado di ricevere l’input dell’utente e di ricevere il focus dell’applicazione.

I content controls sono particolari controlli che possono contenere un elemento grafico qualsiasi e derivano dalla classe ContentControl secondo la seguente gerarchia:

WPF_08_ContentControls_Fig1

La maggior parte dei controlli più comuni sono, in definitiva, dei content controls: Button, Label, RadioButton, CheckBox sono in grado di contenere un elemento anche complesso.

Esistono poi dei particolari content controls che hanno la capacità di contenere due elementi complessi: uno come intestazione e uno come corpo. Appartengono a questa categoria i GroupBox, TabItem e gli Expander.

La proprietà Content dei content controls può ospitare un solo oggetto ma se utilizziamo come tale un container, ecco che possiamo inserire una qualsiasi combinazione di oggetti grafici.

In realtà, il comportamento grafico di un content control cambia in base al tipo di oggetto che contiene:

· Oggetto che deriva da UIElement: in questo caso, il framework richiama il metodo OnRender() dell’oggetto contenuto;

· Oggetto che non deriva da UIElement: in questo caso il framework richiama il metodo ToString() per renderizzare l’oggetto (un pò come accade nelle windows forms).

Cominciamo con il vedere un esempio di come utilizzare la proprietà content di un content control. Ad esempio, il seguente XAML:

  1. <Button Width="150" Height="200" Name="btnCustom">
  2.     <Button.Content>
  3.         <StackPanel>
  4.             <TextBlock HorizontalAlignment="Center">Testo sopra l'immagine</TextBlock>
  5.             <Image Source="images\EMOTICON SMILE.png" Margin="2"></Image>
  6.             <TextBox Margin="2" Name="innerTextBox"></TextBox>
  7.         </StackPanel>
  8.     </Button.Content>
  9. </Button>

genera il seguente bottone:

WPF_08_ContentControls_Fig2

Il contenuto del bottone (la proprietà Content) è costituito da un controllo TextBlock, un Image e un TextBox tutti contenuti in uno StackPanel.

E’ evidente, quindi che l’unico limite è la nostra fantasia.

Per sapere se un content controls ha un contenuto o meno possiamo utilizzare la proprietà HasContent che assume il valore true se il bottone contiene qualcosa (sia esso un oggetto complesso complessa che un oggetto semplice).

Un’altra proprietà fondamentale dei content controls è la Template. La proprietà Template consente di ridefinire il modo con cui un controllo WPF viene disegnato.

Ad esempio prendiamo il seguente XAML:

  1. <Button Margin="2" Height="80" Width="80" Name="btnTemplate">
  2.     <Button.Template>
  3.         <ControlTemplate>
  4.             <Border BorderThickness="2" BorderBrush="red" CornerRadius="5" Margin="10">
  5.                 <StackPanel VerticalAlignment="Center" >
  6.                     <Image Source="images\EMOTICON SMILE.png" Margin="2" Height="50"></Image>
  7.                 </StackPanel>
  8.             </Border>
  9.         </ControlTemplate>
  10.     </Button.Template>
  11. </Button>

Il controllo che ne viene fuori è il seguente:

WPF_08_ContentControls_Fig3

Quest’ultimo non sembra per nulla un bottone, eppure mantiene le sue peculiarità tra le quali l’evento click pur apparendo in modo nettamente differente dal solito.

La proprietà Template è fondamentale per poter ridefinire il layout dei nostri controlli in modo da dare una nuova veste alle nostre interfacce.

Un insieme di controlli interessanti sono gli headered controls, ovvero quei controlli che possono visualizzare due “oggetti” distinti: uno per l’intestazione e uno per il contenuto vero e proprio.

Ad esempio, il seguente XAML mostra come utilizzare un GroupBox personalizzando l’intestazione ed il contenuto:

  1. <GroupBox>
  2.     <GroupBox.Header>
  3.         <StackPanel Orientation="Horizontal" Margin="2" VerticalAlignment="Center">
  4.             <Image Source="images/Folder.png" Height="20" Margin="2"></Image>
  5.             <TextBlock VerticalAlignment="Center">Intestazione</TextBlock>
  6.         </StackPanel>
  7.     </GroupBox.Header>
  8.     <GroupBox.Content>
  9.         <StackPanel VerticalAlignment="Center" >
  10.             <Image Source="images\EMOTICON SMILE.png" Margin="2" Height="50"></Image>
  11.             <TextBlock FontSize="16" HorizontalAlignment="Center">Contenuto</TextBlock>
  12.         </StackPanel>
  13.     </GroupBox.Content>
  14. </GroupBox>

Il risultato è il seguente :

WPF_08_ContentControls_Fig4

Altri controlli Headered sono il TabItem (ovvero la singola pagina di un TabControl) e l’Expander.

Quest’ultimo consente di aprire a comando un pannello con del contenuto:

  1. <Expander>
  2.     <Expander.Header>
  3.         <Border BorderBrush="Blue" BorderThickness="1" CornerRadius="2">
  4.             <TextBlock Margin="2">Intestazione</TextBlock>
  5.         </Border>
  6.     </Expander.Header>
  7.     <Expander.Content>
  8.         <Border BorderBrush="Blue" BorderThickness="1" CornerRadius="2">
  9.             <Border.Background>
  10.                 <RadialGradientBrush>
  11.                     <GradientStop Color="gray" Offset="0.25"></GradientStop>
  12.                     <GradientStop Color="LightGray" Offset="1"></GradientStop>
  13.                 </RadialGradientBrush>
  14.             </Border.Background>
  15.             <TextBlock TextWrapping="Wrap" Margin="5">
  16.             Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.
  17.             Duis vel lacinia metus. .......
  18.             </TextBlock>
  19.         </Border>
  20.     </Expander.Content>
  21. </Expander>

WPF_08_ContentControls_Fig5WPF_08_ContentControls_Fig6













Scarica la versione PDF dell'articolo. Scarica la versione Amazon Kindle dell'articolo.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Cambiare la lingua di Visual Studio 2008

Oggi ho avuto qualche problema installando Windows Mobile 6 Professional SDK Refresh e Windows Mobile 6 Standard SDK Refresh.Scaricati i file di installazione e installati, ho provato a creare un progetto di tipo Windows Mobile 6.0 e mi sono beccato questo errore:Dopo qualche smanettamento abbiamo scoperto (e ringrazio il mitico Matteo per l’aiuto) che il mio Visual Studio 2008, pur essendo in Inglese (prova ne era il fatto che gli hotfix e la SP installata erano nella lingua di Albione) aveva come lingua impostata quella del sistema operativo (italiano).Ovviamente, non avrebbe mai potuto trovare la cartella 1040 (italiano) visto che l’installazione dell’SDK aveva supposto che la lingua del Visual Studio fosse Inglese (1033).La soluzione del problema è duplice:1) Duplicate la cartella 1033 presente nel percorso evidenziato dall’errore e la rinominate 10402) cambiate la lingua di Visual Studio.Per questa ultima eventualità basta andare nel menù Strumenti/Opzioni:e cambiare il linguaggi…

Tascam DR-05 registratore digitale per tutti

Diverso tempo fa ho acquistato il registratore digitale Tascam DR-05 e, ora, dopo diversi mesi di utilizzo, posso dire la mia a proposito.

Si tratta di un ottimo registratore digitale con microfono stereo che permette di ottenere registrazioni di ottima qualitaà anche in ambienti non perfetti dal punto di vista acustico.

Interessante la possibilità di utilizzare un cavalletto di piccole dimensioni come HAMA Mini treppiede o Mini Cavalletto Universale per tenere il microfono sollevato dal tavolo in fase di registrazione grazie allàattacco universale per macchina fotografica che il microfono ha nella parte inferiore.

Da segnalare anche il menu’ ben fatto e la possibilita’ di utilizzare una scheda SD esterna per memorizzare i file audio. Anche a livello di consumo batterie non e’ niente male. Consiglio l’uso delle alcaline non ricaricabili.

Il mio utilizzo e’ stato prettamente di registrazione di podcast vocali (no musica) ma le recensioni confermano che se la cava egregiamente con la mu…