Passa ai contenuti principali

Recensione : Windows Communication Foundation 4 – Step by Step

Adoro leggere e adoro tenermi aggiornato riguardo al mondo .NET, quindi unendo le due cose ecco che vorrei inaugurare una rubrica di recensioni di libri anche in virtù del fatto che faccio parte dell’O'Reilly Blogger Review Program.

Il libro di questo post è “Windows Communication Foundation 4 – Step by Step” di John Sharp.

wcf 4 step by step cover

- Titolo: Windows Communication Foundation 4 Step By Step
-
Autori: Sharp, John
-
Editore: Microsoft Press
-
Data di pubblicazione: 07/12/2010
-
Pagine: 736
-
ISBN13: 9780735645561
-
ISBN10: 9780735645561
-
Lingua: Inglese

Quando ci si avvicina ad una nuova tecnologia, ed in particolare quando questa tecnologia è complessa come lo è Windows Communication Foundation, è importante, a mio modesto avviso, costruire delle solide basi teoriche, degli strumenti di base, che consentano, in seguito, di poter addentrarsi nei dettagli e nei casi particolari senza dover pagare dazio.

Nel momento in cui si conosce la tecnologia (almeno le basi) è necessario, invece, avere a disposizione una reference guide in grado di fornire rapidamente le risposte cercate per poter essere immediatamente produttivi o per poter avere quell’input necessario a sbloccare un momento di difficoltà che ci blocca nel nostro lavoro quotidiano.

Il libro che vi propongo è un libro della collana Step by Step di Microsoft Press, scritto da John Sharp (autore di altri linbri della serie Step by Step soprattutto su C#) ed è un ottimo strumento per chi si avvicina a WCF ed ha la necessità di costruire quel bagaglio di strumenti di base di cui parlavo in precedenza.

Il libro non è una reference guide ma limitatamente ai concetti introduttivi di WCF 4.0 permette di avere rapidamente le informazioni cercate. Si tratta di un testo adatto a chi si trova per la prima volta alle prese con il framework WCF mentre lo è meno per chi conosce WCF e vuole approfondire l’argomento.

Gli argomenti trattati non entrano quasi mai nello specifico ma si limitano a fornire una infarinatura di base (decisamente ben fatta, ma comunque di base) ma questa è, generalmente, una caratteristica della serie Step By Step e questo volume non è diverso dagli altri.

La lettura scorre relativamente fluida (sempre considerando che si tratta di un libro pieno di vocaboli e termini tecnici), gli esempi sono sufficientemente spiegati ed il codice con gli esempi è scaricabile dal web.

Se vogliamo trovare un punto a sfavore del libro, possiamo dire che la maggior parte del discorso è incentrato sulla visione web services di WCF e vengono poco presi in esame gli altri possibili bindings messi a disposizione da WCF. Credo che, però, questa sia una scelta dell’autore visto il taglio beginner del testo e la vastità del mondo bindings in WCF (di fatto, il primo utilizzo che si fa di WCF da parte di chi si avvicina al framework è quello di sostituire i “vecchi” web service XML). In ogni caso se avete la necessità di studiare o approfondire la visione WCF non WebServices, allora questo libro non fa al caso vostro.

Per concludere, a mio modesto avviso, si tratta di un buon libro da cui non ci si deve però aspettare il ruolo di reference guide su WCF. Se abbiamo bisogno della “bibbia” di WCF, quseto non è il nostro libro, mentre se dobbiamo avvicinarci al mondo WCF, probabilmente si tratta della scelta giusta.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

VB.NET for Dummies: Gli Eventi

Vorrei iniziare con questo post una serie dedicata ad aspetti di VB.NET di base che possono essere utile a coloro che si avvicinano al mondo .NET e che, in genere, non vengono trattati a livello base.La serie di post non ha la pretesa di essere assolutamente esaustivi sugli argomenti che tratteròIn questo primo post parleremo degli eventi.Cosa sono e a cosa servonoUn evento è la “notifica” dell’accadimento di qualcosa.Quando, ad esempio, premiamo un bottone della finestra di un’applicazione, dietro le quinte, il bottone stesso “notifica” al mondo circostante che qualcuno, in quell’istante, lo ha premuto.Sta, poi, al mondo circostante preoccuparsi di “intercettare” l’evento stesso per gestirlo (tramite un gestore di evento).Attenzione a non confondere la pressione del tasto con la “notifica” della pressione del tasto: l’evento è la “notifica” dell’accadimento, non l’accadimento stesso.Ma a cosa serve tutto ciò?Utilizzare gli eventi è un modo per disaccoppiare due o più attori del nostr…

Creare uno shortcut con VB.NET

Prendendo spunto da un post comparso sul forum MSDN vorrei proporvi un tip su come creare uno shortcut utilizzando VB.NET.Per poter creare uno shortcut possiamo procedere in due modi: o ci studiamo la struttura del file .lnk e scriviamo una classe che è in grado di ricreare tale struttura oppure utilizziamo Windows Scripting Host.La prima soluzione è percorribile ma laboriosa perchè la struttura di un file lnk non è banale. Chi fosse interessato a vedere come è composto, internamente, un file lnk può scaricare la seguente reference guide (link).Io vorrei proporvi la seconda strada e realizzerò una classe che incapsula l’utilizzo di Windows Scripting Host.L’object model di Windows Scripting Host è contenuto nella dll IWshRuntimeLibrary che può essere referenziata, nel nostro progetto, utilizzando il tab COM della finestra di aggiunta delle reference:Tra gli oggetti che troviamo all’interno della libreria utilizzeremo la classe WshShell e la classe WshShortcut.La prima delle due rappres…