Passa ai contenuti principali

Kinect: Questione di profondità

In questo post continuiamo ad analizzare i cambiamenti apportati all’SDK v.1.0 di Kinect pubblicato il 1 Febbraio 2012.
In particolare ci occuperemo della capacità che ha il Kinect di fornire frame in cui l’immagine non è la rappresentazione fedele della realtà che ci circonda ma la rappresentazione bidimensionale della distanza degli oggetti dai sensori di profondità.
Il Kinect, infatti, dispone di un sensore di profondità che è in grado di fornirci la distanza dei punti inquadrati da se stesso e, in più, è in grado di dirci a quale “player” fa riferimento ogni singolo pixel.
Come già visto nel precedente post (link), per recuperare l’istanza della classe che ci permette di accedere al dispositivo Kinect, abilitare lo stream dei dati di profondità e avviare il tutto possiamo procedere in questo modo:
  1. Verificare se sono presenti dispositivi Kinect collegati tramite la proprietà statica KinectSensors della classe KinectSensor;
  2. Recuperare, ad esempio, il primo dei dispositivi;
  3. Abilitare lo stream di profondità (selezionando la risoluzione desiderata);
  4. Agganciare il gestore di evento per manipolare i dati provenienti dall’evento DepthFrameReady;
  5. Avviare la ricezione dei dati con il metodo Start della classe KinectSensor.
  1. If KinectSensor.KinectSensors.Any() Then
  2.     Sensor = KinectSensor.KinectSensors(0)
  3.     If Sensor.Status = KinectStatus.Connected Then
  4.         AddHandler Sensor.DepthFrameReady, AddressOf DepthFrameReadyHandler
  5.         Sensor.DepthStream.Enable(DepthImageFormat.Resolution320x240Fps30)
  6.         Try
  7.             Sensor.Start()
  8.         Catch ex As Exception
  9.  
  10.         End Try
  11.     End If
  12. End If
Cominciamo subito con il dire che, a differenza della versione Beta2, in cui potevamo scegliere se avere i dati di profondità solamente o anche i dati relativi al player rilevato (avendo una diversa disposizione dei bit all’interno dei bytes di profondità), nella versione 1.0, la struttura dei bit ritornati rimane sempre la stessa (cioè c’è sempre lo spazio per il player index – come mostrato in una figura in seguito) anche se il riconoscimento del player si ha solamente se viene attivato lo skeleton tracking (del quale ci occuperemo in un altro post).
Sono state introdotte, inoltre, due differenti possibilità di utilizzo riguardo la profondità: il “Default Mode” e il “Near Mode”.
La seguente figura mostra le distanze a cui lavora il dispositivo nelle due modalità:
Near Mode vs Default Mode Distances
In questa versione, l’SDK è in grado non solo di dirci la distanza (quando ci si trova nel range “Normal Values”) in termini di millimetri a partire dal sensore, ma anche quando il punto esaminato si trova in uno degli altri range (nella versione Beta2 l’SDK recuperava la distanza nel range corretto e basta).
La classe che contiene tutte le informazioni inerenti la lo stream di profondità è la DepthImageStream
image
La proprietà Range consente di impostare il tipo di modalità di funzionamento del Kinect tra Default e Near. Quando viene cambiata questa proprietà si ottengono, contestualmente i cambiamenti sulle proprietà MaxDepth e MinDepth che indicano i limiti del range rilevato dal sensore.
Le tre proprietà TooFarDepth, TooNearDepth e UnknownDepth forniscono i valori utilizzati dal sensore per identificare se un punto si trova, rispettivamente, troppo lontano (valore FFF esadecimale, 4095 in decimale), troppo vicino (valore 0) o sconosciuto (valore –1), secondo quanto mostrato dalla precedente figura.
Lo stream ci mette a disposizione anche dati sul campo visivo della camera di profondità:
  • NominalVerticalFieldOfView : angolo di visuale verticale, in gradi, della camera;
  • NominalHorizontalFieldOfView : angolo di visuale orizzontale, in gradi, della camera;
  • NominalDiagonalFieldOfView : angolo di visuale diagonale, in gradi, della camera.
Quando il sensore dispone di un frame di profondità, viene sollevato l’evento DepthFrameReady che possiamo gestire per recuperare effettivamente i bytes (due per ogni punto x,y)  che descrivono la scena.
  1. Dim depthArray = New Short(frame.PixelDataLength - 1) {}
  2. frame.CopyPixelDataTo(depthArray)
Per recuperare, dato un punto di coordinate (x,y), i valori di profondità e player index corrispondenti, possiamo utilizzare la seguente funzione:
  1. Private Sub GetDepthAndPlayerIndex(frame As DepthImageFrame,
  2.                                         x As Integer,y As Integer,
  3.                                         ByRef depth As Long,ByRef playerIndex As Short)
  4.     Dim arrayIndex = (y * frame.Width + x)
  5.     If arrayIndex >= frame.PixelDataLength Then Throw New ArgumentOutOfRangeException()
  6.  
  7.     Dim depthArray = New Short(frame.PixelDataLength - 1) {}
  8.     frame.CopyPixelDataTo(depthArray)
  9.  
  10.     Dim depthPoint = depthArray(arrayIndex))
  11.     depth = depthPoint >> DepthImageFrame.PlayerIndexBitmaskWidth
  12.     playerIndex = CShort(depthPoint And DepthImageFrame.PlayerIndexBitmask)
  13. End Sub
La variabile depthPoint contiene il valore effettivo letto dal sensore per il punto (x,y) e le due formule che restituiscono distanza e player index sono:
image
A differenza della Beta2 dell’SDK, i dati raw di profondità che arrivano dal sensore sono, punto per punto, su un solo elemento dell’array e non dobbiamo ricostruirli concatenando byte meno significativo a quello più significativo e, in più, troviamo le due costanti pubbliche PlayerIndexBitmaskWidth e PlayerIndexBitmask le quali ci dicono, rispettivamente, la lunghezza della maschera di bit del player index (3) e la vera e propria bitmask per estrarre il player index.
Importante novità dell’SDK, anticipata in precedenza, è che il player index viene valorizzato solo se è attivo lo skeletal tracking.
Per questo motivo, se vogliamo avere il player index dobbiamo instanziare il KinectSensor nel seguente modo.
  1. If KinectSensor.KinectSensors.Any() Then
  2.     Sensor = KinectSensor.KinectSensors(0)
  3.     If Sensor.Status = KinectStatus.Connected Then
  4.         AddHandler Sensor.DepthFrameReady, AddressOf DepthFrameReadyHandler
  5.         Sensor.DepthStream.Enable(DepthImageFormat.Resolution320x240Fps30)
  6.         Sensor.SkeletonStream.Enable()
  7.         Try
  8.             Sensor.Start()
  9.         Catch ex As Exception
  10.  
  11.         End Try
  12.     End If
  13. End If
In allegato trovate una semplice solution in cui vengono utilizzati i concetti esposti.


Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Tascam DR-05 registratore digitale per tutti

Diverso tempo fa ho acquistato il registratore digitale Tascam DR-05 e, ora, dopo diversi mesi di utilizzo, posso dire la mia a proposito.

Si tratta di un ottimo registratore digitale con microfono stereo che permette di ottenere registrazioni di ottima qualitaà anche in ambienti non perfetti dal punto di vista acustico.

Interessante la possibilità di utilizzare un cavalletto di piccole dimensioni come HAMA Mini treppiede o Mini Cavalletto Universale per tenere il microfono sollevato dal tavolo in fase di registrazione grazie allàattacco universale per macchina fotografica che il microfono ha nella parte inferiore.

Da segnalare anche il menu’ ben fatto e la possibilita’ di utilizzare una scheda SD esterna per memorizzare i file audio. Anche a livello di consumo batterie non e’ niente male. Consiglio l’uso delle alcaline non ricaricabili.

Il mio utilizzo e’ stato prettamente di registrazione di podcast vocali (no musica) ma le recensioni confermano che se la cava egregiamente con la mu…

Cambiare la lingua di Visual Studio 2008

Oggi ho avuto qualche problema installando Windows Mobile 6 Professional SDK Refresh e Windows Mobile 6 Standard SDK Refresh.Scaricati i file di installazione e installati, ho provato a creare un progetto di tipo Windows Mobile 6.0 e mi sono beccato questo errore:Dopo qualche smanettamento abbiamo scoperto (e ringrazio il mitico Matteo per l’aiuto) che il mio Visual Studio 2008, pur essendo in Inglese (prova ne era il fatto che gli hotfix e la SP installata erano nella lingua di Albione) aveva come lingua impostata quella del sistema operativo (italiano).Ovviamente, non avrebbe mai potuto trovare la cartella 1040 (italiano) visto che l’installazione dell’SDK aveva supposto che la lingua del Visual Studio fosse Inglese (1033).La soluzione del problema è duplice:1) Duplicate la cartella 1033 presente nel percorso evidenziato dall’errore e la rinominate 10402) cambiate la lingua di Visual Studio.Per questa ultima eventualità basta andare nel menù Strumenti/Opzioni:e cambiare il linguaggi…