Passa ai contenuti principali

Briciole di WPF: Istanziare classi con XAML

XAML è un linguaggio dichiarativo, un dialetto dell’XML, che permette di istanziare oggetti dichiarando cosa vogliamo e con quali proprietà.

Quando scriviamo:

  1. <Button Margin="5" Content="Premi">
  2. </Button>

stiamo indicando all’interprete XAML che vogliamo un’istanza della classe Button con la proprietà Margin pari a “5” e la proprietà Content pari a “Premi”.

Di fatto, quando l’interprete XAML incontra il nodo XML di cui sopra, esegue una serie di istruzioni, esattamente equivalenti a:

  1. Dim button = New Button
  2. button.Margin = New Thickness(5)
  3. button.Content = "Premi"

Tralasciando per un attimo l’utilizzo dei TypeConverter di cui abbiamo già parlato in un precedente post, e che consente all’interprete di valorizzare le proprietà delle classi, possiamo osservare che il ragionamento fatto per la classe Button può essere esteso a qualsiasi classe che abbia:

  • un costruttore senza parametri
  • delle proprietà che possono essere assegnate a partire da una stringa tramite un opportuno TypeConverter

Supponiamo creare una classe:

  1. Public Class MiaClasse
  2.  
  3.     Public Property Intero As Integer
  4.  
  5.     Public Overrides Function ToString() As String
  6.         Return String.Format("MiaClasse Intero={0}", Me.Intero)
  7.     End Function
  8. End Class

da voler utilizzare all’interno di una nostra finestra WPF.

Innanzitutto abbiamo la necessità di importare l’assembly contenente la nostra classe (che si trova nello stesso progetto dello XAML ma che, in ogni modo, va referenziato come namespace nello XAML stesso). Per fare questo basta aggiungere la definizione del namespace all’interno del nodo Windows:

Referenziare il namespace della nostra WPF A questo punto, possiamo utilizzare il prefisso m indicato nella dichiarazione xmlns per indicare l’istanza della nostra classe.

Ad esempio possiamo scrivere:

  1. <Label>
  2.     <Label.Content>
  3.         <m:MiaClasse Intero="2"></m:MiaClasse>
  4.     </Label.Content>
  5. </Label>

In questo caso stiamo dicendo all’interprete di istanziare un oggetto di classe MiaClasse e di utilizzarlo nel content della Label. Poiché la nostra classe non deriva da UIElement, verrà richiamato il metodo ToString() (che abbiamo provveduto a ridefinire nella classe MiaClasse)  ed otteniamo:

Label con la nostra classe come contentE’ evidente che l’esempio riportato è puramente didattico ma ci consente di capire che XAML ha delle potenzialità che vanno oltre il mero aspetto grafico.

Commenti

Post popolari in questo blog

MVP Reconnect …… ovvero quando entri nella “famigghia” resti sempre nella “famigghia”!!!

Ma di che “famigghia” stiamo parlando!!!!

Fermi tutti, non si tratta di robe strane o sette segrete o affari malavitosi….stiamo parlando della grande famiglia dei Microsoft MVP.

Per chi non sapesse cosa sono i Microsoft MVP, vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale del programma (link), ma, volendolo spiegare in pochisime parole, si tratta di un riconoscimento che Microsoft da a persone che si distinguono per il loro impegno, aiutando gli altri ad ottenere il massimo grazie alle tecnologie Microsoft. Si tratta di persone, non dipendenti Microsoft, che mettono la loro passione, il loro tempo, la loro buona volontà per la divulgazione e la condivisione della conoscenza. Non necessariamente (come qualcuno erroneamente sostiene, evidentemente non conoscendo le basi del programma) si tratta di professionisti nel termine letterale del termine ma si tratta comunque di un gruppo di persone che sacrifica un pò del suo tempo (e, a volte, vi assicuro neanche pò!!!) per la sua passione.

Pe…

Nuova versione del Band SDK

E’ di ieri l’annuncio del rilascio della nuova versione dell’SDK per il Microsoft Band.
Si tratta della versione 1.3.10417 (la precedente e, prima della serie, era la 1.3.10219 preview).
Maggiori informazioni, download dell’SDK per le tre piattaforme Windows Phone, iOS e Android all’indirizzo http://developer.microsoftband.com/.
Allo stesso indirizzo potrete trovare anche la documentazione.
Nei mesi scorsi mi sono gia’ occupato della precedente versione e questi sono i post che ne parlano:
Microsoft Band SDK Preview - First LookMicrosoft Band SDK Preview - ”Hello Band”Microsoft Band SDK Preview - Accesso ai sensoriMicrosoft Band SDK Preview - TileMicrosoft Band SDK Preview - NotificheMicrosoft Band SDK Preview - Personalizzazione
Gli argomenti trattati e il codice proposto dovrebbe, ad una prima lettura delle nuove funzionalita’ inserite, essere ancora valido e funzionante ma nei prossimi giorni prendero’ in esame tutti gli argomenti dei precedenti post e vedremo cosa cambia e cosa e’ …

Template di progetto per sviluppare applicazioni WPF con Intel® RealSense™

E’ disponibile, nella gallery di Visual Studio, la prima versione del mio template di progetto per applicazioni WPF scritte in C# che permette di realizzare applicazioni con l’SDK di Intel® RealSense™.Il template si può scaricare direttamente all’interno Visual Studio utilizzando il tool “Extensions and Updates”oppure all’indirizzo https://visualstudiogallery.msdn.microsoft.com/1c36ecfd-8c00-4aee-b20c-a1726ab6424dIl template esegue le seguenti operazioni per voi:Aggiunge la reference all’assembly libpxcclr.cs.dll (nelle due distinte versioni per x86 e x64);Aggiunge lo script di post build per copiare la libreria libpxccpp2c.dll dalla cartella dell’SDK alla cartella bin del vostro progetto.Una volta creato il progetto dovete rimuovere la configurazione di compilazione AnyCPU (che non ha più senso) dalla vostra solution e sarete pronti per sviluppare con Intel® RealSense™.Ovviamente dovete installare l’SDK che potete scaricare all’indirizzo https://software.intel.com/en-us/intel-realsen…