Passa ai contenuti principali

TFS 2010 Object Model: connettersi ad un server TFS

Per questioni di lavoro mi sono occupato recentemente di interagire, via codice, utilizzando l’object model, con TFS. Vorrei iniziare una mini serie dedicata a trucchi e brevi articoli sull’utilizzo di alcune classi presenti all’interno dello stesso object model. La serie non ha la pretesa di essere esaustiva ma ha lo scopo, come mia consuetudine, di condividere il know-how.

Questo post riguarda la parte iniziale di ogni interazione con TFS: la connessione al server.

Se vogliamo creare applicativi client che interagiscono con Team Foundation Server 2010, possiamo utilizzare l’object model messo a disposizione dalle librerie Microsoft.TeamFoundation.*.dll.

image

In particolare per la connessione al server è necessario referenziare le librerie Microsoft.TeamFoundation.Client.dll e Microsoft.TeamFoundation.Common.dll.

La connessione al server TFS (allo scopo di ottenere servizi per la gestione delle entità proprie del server) può essere eseguita mediante la classe TFSConfigurationServer contenuta all’interno del namespace Microsoft.TeamFoundation.Client (nell’assembly Microsoft.TeamFoundation.Client.dll).

E’ possibile creare un’istanza della TFSConfigurationServer in due modalità:

  • Utilizzando il costruttore:
  1. Dim tfsInstance1 = New TfsConfigurationServer(New Uri("http://server:8080/tfs"), New UICredentialsProvider())
  • Utilizzando la classe factory TFSConfigurationServerFactory:
  1. Dim tfsInstance1 = TfsConfigurationServerFactory.GetConfigurationServer(New Uri("http://server:8080/tfs"), New UICredentialsProvider())

In entrambi i casi l’indirizzo http://server:8080/tfs deve essere un indirizzo valido per la connessione a TFS. Possiamo ottenere l’indirizzo sfruttando il Team Explorer. E’ sufficiente aprire le properties di una collection del Team Explorer per avere l’indirizzo da inserire nelle nostre classi:

image

Sia costruttore che factory mettono a disposizione overload per specificare le credenziali di accesso ma, in questo momento, non ce ne preoccupiamo e come provider di credenziali utilizziamo la classe UICredentialProvider che permette, se TfsConfigurationServer non trova delle credenziali in cache, di richiederle all’utente con un prompt.

Quello che ci interessa in questo post è mettere in evidenza la sostanziale differenza tra costruttore e factory e cioè il fatto che il costruttore permette di ottenere differenti istanze di conessione  (una per ogni New) mentre la factory crea una nuova istanza la prima volta che viene richiamato il metodo GetConfigurationServer e restituisce la stessa istanza le volte successive.

Per verificare questo non possimao utilizzare il metodo Equals delal classe Object perchè tale metodo e ridefinito nella classe TfsConnection da cui la TfsConfigurationServer deriva per confrontare due istanze della classe e definirle uguali quando hanno lo stesso Url. Allora scriviamo il seguente codice:

  1. Dim tfsInstance1 = New TfsConfigurationServer(New Uri("http://server:8080/tfs"),
  2.                                               New UICredentialsProvider())
  3. Dim tfsInstance2 = New TfsConfigurationServer(New Uri("http://server:8080/tfs"),
  4.                                               New UICredentialsProvider())
  5. tfsInstance1.Dispose()

A seguito della chiamata al metodo Dispose, se le istanze sono distinte, tfsInstance1 sarà “disposata” mentre la tfsInstance2 no.

Per verificare questo inseriamo dei QuickWatch nel nostro progetto in modo da mettere in evidenza i valori delle proprietà Disposed (che non sono visibili direttamente perchè Friend) e osserviamo che, dopo il Dispose si ha:

image

Facciamo la stessa cosa per le istanze generate dalla Factory:

  1. Dim tfsInstance1 = TfsConfigurationServerFactory.GetConfigurationServer(New Uri("http://server:8080/tfs"),
  2.                                                                     New UICredentialsProvider())
  3. Dim tfsInstance2 = TfsConfigurationServerFactory.GetConfigurationServer(New Uri("http://server:8080/tfs"),
  4.                                                                     New UICredentialsProvider())
  5.  
  6. tfsInstance1.Dispose()

In questo caso, i QuickWatch ci segnalano:

image

Se questo non bastasse possiamo analizzare come viene implementato il metodo GetConfigeurationServer della TfsConfigurationServerFactory utilizzando Reflector:

image

La classe implementa una sorta di cache (si tratta di un Dictionary(Of Uri,TfsConfigurationServer) ) in cui viene ricercata un eventuale istanza già creata (punto 1) e, in caso in cui sia presente restituita. Se non esiste un’istanza per l’Uri passato come argomento, la factory utilizza il costruttore per istanziare una nuova TfsConfigurationServer e la memorizza nella propria cache (punto 2).

 

Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Tascam DR-05 registratore digitale per tutti

Diverso tempo fa ho acquistato il registratore digitale Tascam DR-05 e, ora, dopo diversi mesi di utilizzo, posso dire la mia a proposito.

Si tratta di un ottimo registratore digitale con microfono stereo che permette di ottenere registrazioni di ottima qualitaà anche in ambienti non perfetti dal punto di vista acustico.

Interessante la possibilità di utilizzare un cavalletto di piccole dimensioni come HAMA Mini treppiede o Mini Cavalletto Universale per tenere il microfono sollevato dal tavolo in fase di registrazione grazie allàattacco universale per macchina fotografica che il microfono ha nella parte inferiore.

Da segnalare anche il menu’ ben fatto e la possibilita’ di utilizzare una scheda SD esterna per memorizzare i file audio. Anche a livello di consumo batterie non e’ niente male. Consiglio l’uso delle alcaline non ricaricabili.

Il mio utilizzo e’ stato prettamente di registrazione di podcast vocali (no musica) ma le recensioni confermano che se la cava egregiamente con la mu…

Cambiare la lingua di Visual Studio 2008

Oggi ho avuto qualche problema installando Windows Mobile 6 Professional SDK Refresh e Windows Mobile 6 Standard SDK Refresh.Scaricati i file di installazione e installati, ho provato a creare un progetto di tipo Windows Mobile 6.0 e mi sono beccato questo errore:Dopo qualche smanettamento abbiamo scoperto (e ringrazio il mitico Matteo per l’aiuto) che il mio Visual Studio 2008, pur essendo in Inglese (prova ne era il fatto che gli hotfix e la SP installata erano nella lingua di Albione) aveva come lingua impostata quella del sistema operativo (italiano).Ovviamente, non avrebbe mai potuto trovare la cartella 1040 (italiano) visto che l’installazione dell’SDK aveva supposto che la lingua del Visual Studio fosse Inglese (1033).La soluzione del problema è duplice:1) Duplicate la cartella 1033 presente nel percorso evidenziato dall’errore e la rinominate 10402) cambiate la lingua di Visual Studio.Per questa ultima eventualità basta andare nel menù Strumenti/Opzioni:e cambiare il linguaggi…