Passa ai contenuti principali

Microsoft Band SDK Preview - Accesso ai sensori

In questo post parleremo di quali sensori, presenti nel Microsoft Band, possiamo utilizzare sfruttando le API messe a disposizione dall’SDK.
I sensori utilizzabili grazie all’SDK sono i seguenti:
  • Accelerometro: fornisce l’accelerazione subita dal Band (in metri al secondo quadrato) lungo i tre assi (vedere figura per comprendere come sono disposti tali assi);
  • Giroscopio: fornisce la velocità angolare (gradi al secondo) attorno ai tre assi cartesiani;
  • Sensore di distanza: fornisce informazioni riguardanti la velocità corrente (in centimetri al secondo), la distanza percorsa (in centimetri), il passo (in millisecondi per metro) e il tipo di attività (camminata o corsa);
  • Cardio: fornisce le informazioni relative alla frequenza cardiaca (in battiti al minuto);
  • Pedometro: fornisce il numero di passi;
  • Sensore di temperatura della pelle: fornisce informazioni sulla temperatura della pelle (in gradi Celsius);
  • Sensore UV: fornisce informazioni sull’intensità dell’irraggiamento solare (in termini di radiazioni UV);
  • Sensore di contatto: fornisce informazioni sul fatto che il Band sia indossato o meno.
La seguente figura mostra la disposizione degli assi X, Y e Z per quel che riguarda giroscopio e accelerometro.
image

Ricevere i dati dal sensore

Nel precedente post della serie abbiamo visto come connettersi ad un Band (in pairing e collegato al nostro Windows Phone).

Dim bands = Await BandClientManager.Instance.GetBandsAsync()
If bands.Any() Then
    App.CurrentBandInfo = bands.First()
    BandInfoCtrl.BandInfo = App.CurrentBandInfo
    Try
        App.CurrentBandClient = Await BandClientManager.Instance.ConnectAsync(App.CurrentBandInfo)
        DisplayProgressIndicator(True, "Band connesso....")
    Catch ex As BandException

    End Try
Else
    Dim msgDlg = New MessageDialog("Nessun Band trovato")
    Await msgDlg.ShowAsync()
End If

Quello che otteniamo è un’istanza dell’interfaccia IBandClient la cui struttura è mostrata nella seguente figura
image

Come possiamo vedere, l’interfaccia espone 4 proprietà il cui scopo è quello di permetterci di accedere alle 4 aree funzionali che il Band ci consente di utilizzare in questa versione dell’SDK.
In particolare, quella che ci interessa è la SensorManager, di tipo IBandSensorManager, che ci permette di avere accesso ai sensori.

 image

Come si osserva dal class diagram, la IBandSensorManager espone 8 proprietà (una per sensore), tutte di tipo IBandSensor(Of T) dove T definisce la tipologia del sensore stesso.
La IBandSensor espone un evento che viene sollevato ogni qual volta il valore sotto esame cambia e due metodi per avviare e fermare il rilevamento dei cambiamenti (ogniuno con un overload che cosente di passare come argomento un CancelletionToken per gestire la cancellazione della richiesta asincrona in maniera corretta).
Unica differenza la fa il sensore di contatto (quello che ci permette di sapere se il Band è indossato o meno) che implementa una propria interfaccia (sempre derivata dalla IBandSensor) che ci fornisce, in più, un metodo per recuperare, in polling, il valore letto dal sensore.

image

Tutti i tipi che definiscono i sensori derivano dall’interfaccia IBandSensorReading. Il tipo su cui vengono chiuse le interfacce dei sensori contiene effettivamente i dati forniti dallo stesso. Ad esempio la IBandHeartRateSensorReading (che è il tipo caratteristico del sensore cardio) conterrà il valore dei battiti letti e la qualità con cui tale dato è letto (nel caso specifico Acquiring o Locked per segnalare se il sensore del battito cardiaco è effettivamente agganciato al nostro polso o se i dati sono soggetti ad errore perchè in fase di acquisizione).
SNAGHTML8afd5c
Quindi, una volta capito come funziona il meccanismo degli eventi, possiamo agganciare un gestore in modo da essere informati dall’SDK quando ci sono dei dati da utilizzare.
Nel seguente pezzo di codice andiamo a gestire i dati provenienti dall’accelerometro:

AddHandler App.CurrentBandClient.SensorManager.Accelerometer.ReadingChanged,
    Async Sub(sender As Object, data As IBandAccelerometerReading)
        Await Dispatcher.RunAsync(Windows.UI.Core.CoreDispatcherPriority.Normal,
                                  Sub(data)
                                      AccelerometerXText.Text = data.AccelerationX.ToString("###0.0")
                                      AccelerometerYText.Text = data.AccelerationY.ToString("###0.0")
                                      AccelerometerZText.Text = data.AccelerationZ.ToString("###0.0")
                                      AccelerometerTimestampText.Text = data.Timestamp.ToString()
                                  End Sub)
    End Sub

oppure, per chi ama la sintassi classica di VB.NET:

AddHandler App.CurrentBandClient.SensorManager.Accelerometer.ReadingChanged, AddressOf Accelerometer_ReadingChanged

Private Async Sub Accelerometer_ReadingChanged(sender As Object, e As BandSensorReadingEventArgs(Of IBandAccelerometerReading))
    Await Dispatcher.RunAsync(Windows.UI.Core.CoreDispatcherPriority.Normal, Sub(data)
                                                                                 AccelerometerXText.Text = data.AccelerationX.ToString("###0.0")
                                                                                 AccelerometerYText.Text = data.AccelerationY.ToString("###0.0")
                                                                                 AccelerometerZText.Text = data.AccelerationZ.ToString("###0.0")
                                                                                 AccelerometerTimestampText.Text = data.Timestamp.ToString()
                                                                             End Sub)
End Sub

App.CurrentBandClient è un’istanza valida di IBandClient ottenuta dalla connessione.
Osserviamo che dobbiamo utilizzare il dispatcher per aggiornare la UI in quanto non è garantito che l’evento venga sollevato nello stesso thread dell’interfaccia.
I dati del sensore non arriveranno fino a che non diremo al sensore di cominciare a leggere:

Await App.CurrentBandClient.SensorManager.Accelerometer.StartReadingsAsync()

In maniera analoga possiamo arrestare il processo di recupero dei dati utilizzando il metodo StopReadingAsync:

Await App.CurrentBandClient.SensorManager.Accelerometer.StopReadingsAsync()


ReportingInterval

Prima di concludere osserviamo che l’interfaccia IBandSensor espone anche delle proprietà che ci permettono di capire se il sensore è supportato (IsSupported), di sapere quali sono gli intervalli di campionamento che il sensore è in grado di supportare (SupportedReportingIntervals) e quale è l’intervallo di campionamento scelto (ReportingInterval).
image
SupportedReportingIntervals è una collezione di TimeStamp i cui valori possono essere utilizzati per impostare la proprietà ReportingInterval e decidere, in questo modo, la frequenza di campionamento che ci fa più comodo.
L’esempio completo è disponibile al seguente link.

Nel prossimo post ci occuperemo della gestione delle tile nel Band e vedremo come possiamo creare la nostra tile e gestirla da codice.

Rimanete connessi!!!

Commenti

DPCons ha detto…
Mi scusi dott. Bonanni, ma sarebbe possibile avere gli esempi in C# ?
Il VB.NET proprio non lo digerisco....
Massimo Bonanni ha detto…
Cerchero', appena ho un po' di tempo, di pubblicare anche gli esempi C#. ma il codice e' veramente semplice, quindi non dovresti avere problema a comprenderlo.

Post popolari in questo blog

MVP Reconnect …… ovvero quando entri nella “famigghia” resti sempre nella “famigghia”!!!

Ma di che “famigghia” stiamo parlando!!!!

Fermi tutti, non si tratta di robe strane o sette segrete o affari malavitosi….stiamo parlando della grande famiglia dei Microsoft MVP.

Per chi non sapesse cosa sono i Microsoft MVP, vi consiglio di fare un giro sul sito ufficiale del programma (link), ma, volendolo spiegare in pochisime parole, si tratta di un riconoscimento che Microsoft da a persone che si distinguono per il loro impegno, aiutando gli altri ad ottenere il massimo grazie alle tecnologie Microsoft. Si tratta di persone, non dipendenti Microsoft, che mettono la loro passione, il loro tempo, la loro buona volontà per la divulgazione e la condivisione della conoscenza. Non necessariamente (come qualcuno erroneamente sostiene, evidentemente non conoscendo le basi del programma) si tratta di professionisti nel termine letterale del termine ma si tratta comunque di un gruppo di persone che sacrifica un pò del suo tempo (e, a volte, vi assicuro neanche pò!!!) per la sua passione.

Pe…

Template di progetto per sviluppare applicazioni WPF con Intel® RealSense™

E’ disponibile, nella gallery di Visual Studio, la prima versione del mio template di progetto per applicazioni WPF scritte in C# che permette di realizzare applicazioni con l’SDK di Intel® RealSense™.Il template si può scaricare direttamente all’interno Visual Studio utilizzando il tool “Extensions and Updates”oppure all’indirizzo https://visualstudiogallery.msdn.microsoft.com/1c36ecfd-8c00-4aee-b20c-a1726ab6424dIl template esegue le seguenti operazioni per voi:Aggiunge la reference all’assembly libpxcclr.cs.dll (nelle due distinte versioni per x86 e x64);Aggiunge lo script di post build per copiare la libreria libpxccpp2c.dll dalla cartella dell’SDK alla cartella bin del vostro progetto.Una volta creato il progetto dovete rimuovere la configurazione di compilazione AnyCPU (che non ha più senso) dalla vostra solution e sarete pronti per sviluppare con Intel® RealSense™.Ovviamente dovete installare l’SDK che potete scaricare all’indirizzo https://software.intel.com/en-us/intel-realsen…