Passa ai contenuti principali

Microsoft Band SDK Preview - First Look

E’ un pò di tempo che non scrivo post e vorrei riprendere proponendovi qualche post relativo all’SDK del Microsoft Band recentemente rilasciato da Microsoft.

Per chi non conoscesse Microsoft Band, si tratta di uno smart watch, fornito di innumerevoli sensori (tra i quali giroscopio, accelerometro, GPS, cardio, sensore UV e così via) con la caratteristica, abbastanza rara tra gli smart watch in commercio, di essere compatibile con le tre piattaforme mobile più diffuse cioè iOS, Android e, ovviamente, Windows Phone. Maggiori info su Microsoft Band sono disponibili nel sito ufficiale Microsoft http://www.microsoft.com/Microsoft-Band

Come dicevo in apertura del post, recentemente Microsoft ha rilasciato l’SDK per poter sviluppare applicazioni che si integrano e sfruttano il Band come possibile estensione per fornire funzionalità accessorie.
Ad oggi sono stati rilasciati l’SDK per Windows Phone e per Android, mentre prossimamente verrà rilasciato quello per iOS. L’SDK è in preview il che significa che, pur essendo utilizzabile per realizzare applicazioni che possono finire nello store, le funzionalità esposte dalle API non sono omnicomprensive e, soprattutto, la struttura delle API potrebbe cambiare prima della versione definitiva.

In questi post mi occuperò della versione Windows Phone, ma maggiori informazioni sulla versione Android e sulla futura iOS sono disponibili all’indirizzo http://developer.microsoftband.com/

SNAGHTML8817d
La pagina developers del Microsoft Band SDK Preview
Di fatto, quello che possiamo fare con questa versione dell’SDK è:
  • Ricevere (o leggere) informazioni da alcuni sensori contenuti nel device;
  • Inviare notifiche e creare tile sul device;
  • Personalizzare il tema del device.

Cosa serve per iniziare

Se vogliamo cominciare a sviluppare applicazioni per il nostro Windows Phone che fanno uso del Microsoft Band ci occorre:
  • Visual Studio 2013;
  • Windows Phone 8.1 SDK;
  • Un band.
Avere il Band fisico è al momento l’unico modo per poter sviluppare con questo SDK non essendo stato rilasciato alcun simulatore/emulatore per lo stesso.

Vedremo che l’architettura dell’SDK si basa molto sul concetto di interfaccia e, quindi, l’idea di poter usare un simulatore al posto del device fisico non è così campata in aria.

Nel prossimo post cominceremo a dare un’occhiata approfondita all’SDK realizzando la nostra prima applicazione "Hello Band!" che si connetterà al Band in pairing con il telefono e ne recupererà la versione software e hardware. Cercheremo anche di dare un’occhiata a come è strutturato l’SDK e quali sono le classi che entrano in gioco.

Rimanete collegati!!


Commenti

Post popolari in questo blog

VB.NET: Convertire un file DOC in RTF e PDF con office interop

In questo post vorrei proporvi del codice per poter convertire un file .doc in un file .rtf oppure .pdf utilizzando le API di interoperabilità di Office.Creeremo una classe, DocConverter, che esporrà le due funzionalità sopra citate.Cominciamo con il prevedere un attributo privato della classe che rappresenterà l’applicazione Word che utilizzeremo per la conversione. Creeremo l’istanza dell’attributo privato all’interno del costruttore della classe:PublicSubNew()
IfNot CreateWordApp() Then
ThrowNew ApplicationException("Assembly di interoperabilità con Office non trovato!")
EndIf
EndSub
Private _wordApp As Word.ApplicationClass
ProtectedFunction CreateWordApp() AsBoolean
Dim retval = True
Try
_wordApp = New Word.ApplicationClass()
_wordApp.Visible = False
Catch ex As System.Exception
_wordApp = Nothing
retval = False
EndTry
Return retval
EndFunction

La conversione del file doc sarà effettuata aprendo il file stesso ed eseguendo un’operazione di SaveAs:

Pr…

Creare uno shortcut con VB.NET

Prendendo spunto da un post comparso sul forum MSDN vorrei proporvi un tip su come creare uno shortcut utilizzando VB.NET.Per poter creare uno shortcut possiamo procedere in due modi: o ci studiamo la struttura del file .lnk e scriviamo una classe che è in grado di ricreare tale struttura oppure utilizziamo Windows Scripting Host.La prima soluzione è percorribile ma laboriosa perchè la struttura di un file lnk non è banale. Chi fosse interessato a vedere come è composto, internamente, un file lnk può scaricare la seguente reference guide (link).Io vorrei proporvi la seconda strada e realizzerò una classe che incapsula l’utilizzo di Windows Scripting Host.L’object model di Windows Scripting Host è contenuto nella dll IWshRuntimeLibrary che può essere referenziata, nel nostro progetto, utilizzando il tab COM della finestra di aggiunta delle reference:Tra gli oggetti che troviamo all’interno della libreria utilizzeremo la classe WshShell e la classe WshShortcut.La prima delle due rappres…

VB.NET for Dummies: Gli Eventi

Vorrei iniziare con questo post una serie dedicata ad aspetti di VB.NET di base che possono essere utile a coloro che si avvicinano al mondo .NET e che, in genere, non vengono trattati a livello base.La serie di post non ha la pretesa di essere assolutamente esaustivi sugli argomenti che tratteròIn questo primo post parleremo degli eventi.Cosa sono e a cosa servonoUn evento è la “notifica” dell’accadimento di qualcosa.Quando, ad esempio, premiamo un bottone della finestra di un’applicazione, dietro le quinte, il bottone stesso “notifica” al mondo circostante che qualcuno, in quell’istante, lo ha premuto.Sta, poi, al mondo circostante preoccuparsi di “intercettare” l’evento stesso per gestirlo (tramite un gestore di evento).Attenzione a non confondere la pressione del tasto con la “notifica” della pressione del tasto: l’evento è la “notifica” dell’accadimento, non l’accadimento stesso.Ma a cosa serve tutto ciò?Utilizzare gli eventi è un modo per disaccoppiare due o più attori del nostr…